Le pagelle di Flaminia-Siena

Narduzzo 6: non perfetto in occasione del gol di Sirbu, anche se la conclusione era molto ravvicinata. Per il resto ordinaria amministrazione e un paio di uscite coi tempi giusti

De Angelis sv: sfortunato in occasione del contrasto che lo costringe ad uscire anzitempo (dal 10’ Gerace 6,5: buon impatto nella gara, è lui che propizia il pareggio. Bene sia da mezzala che da esterno)

Carminati 6: con l’ottima chiusura nel finale rimedia all’errore che nel primo tempo stava per portare al raddoppio della Flaminia

Terigi 6: soffre come tutta la retroguardia nella prima frazione, poi gestisce con esperienza. Rischia anche di andare vicino al gol dopo essersi trovato attaccante per caso (dall’80’ Ilari 6: ingresso positivo, mantiene compatta la linea nel finale)

Ruggeri 7: dopo un primo tempo in apnea, sfodera una grande prestazione nella ripresa dove da esterno alto crea pericoli continui in area ospite. Il gol è la ciliegina sulla sua prestazione

Bedetti 6,5: come Ruggeri soffre all’inizio il suo diretto avversario, ma da una sua intuizione nasce il 2-1. Cambia tre ruoli in 90’ dimostrandosi molto versatile

Agnello 7: uno dei pochi a salvarsi nel primo tempo, è la scintilla della grande reazione della squadra. È sempre in vantaggio sulle seconde palle e preciso nei piazzati

Schiavon 5.5: soffre il dinamismo della Flaminia e fatica a trovare linee di passaggio per i compagni (dal 64’ Bani 6: impatto positivo nella gara, prestazione solida al fianco di Agnello)

Forte 7,5 (il migliore): Gilardino lo avanza e la partita prende un’altra piega. Offre un assist d’oro, non sfruttato a dovere da Guidone, si fa trovare pronto quando il compagno gli restituisce il favore e chiude la partita con l’assist a Ruggeri (dal 80’ Mignani 6: entra col piglio giusto, strappando secondi preziosi nel finale di gara)

Guidone 6,5: mezzo voto in meno per il gol sbagliato sull’1-0. Per il resto solito grande lavoro di sacrificio e assistenza per i compagni. Nota lieta il primo gol stagionale

Sartor 5,5: paga una condizione precaria, esce dopo 45’ senza particolari acuti (dal 46’ Farcas 6,5: il suo ingresso è determinante per l’equilibrio della squadra. Passa al centro della difesa con disinvoltura).

(Ingrosso-Fanetti)

Fonte: Fol