Le pagelle di Federico Castellani

PANE    6,5

Sicuro fra i pali mostra tranquillità a gestire l’area piccola. Mai in seria difficoltà mette anche in luce un discreto piede per i rilanci. Tranquillo.

BRUMAT 6,5

Pistone di destra è accorto in fase difensiva e cerca di proporsi in attacco sporadicamente. Tuttavia da un suo preciso traversone, dopo una manovra avvolgente, nasce l’assist per l’accorrente Cristiani che appoggia in rete facile facile. Accorto.

D’AMBROSIO 6,5

Gioca da centrale in compagnia di Sbraga e non dà segni di incertezze recuperando spesso la posizione di un avanzato Iapichino. Sicuro.

SBRAGA   7

Fra i migliori. Gioca a testa alta e petto in fuori. Presidia la difesa con autorità e talvolta mostra anche un discreto piede per rilanci precisi e aperture. Autoritario.

IAPICHINO 6,5

Mignani lo schiera leggermente avanzato in fase di costruzione forse per supplire a centrocampo l’inferiorità numerica ( tre contro cinque della Lucchese) e lui, finalmente riportato ad una posizione consona alle sue caratteristiche, risponde presente con una bella prestazione. In difesa bada al sodo.

VASSALLO 6

Galleggia fra la fascia e una posizione di tre quartista alternandosi con Cristiani. Grande generosità e corsa anche se talvolta appare un po’ impreciso in fase di costruzione in alcune ripartenze. Generoso

DAMIAN 6,5

Aveva un compito importante: dettare i tempi al posto di un Cruciani fermo ai box. Nel complesso non demerita e sicuramente va elogiato. Propositivo

BULEVARDI 7

Roccioso, corridore e mai domo. Una gran bella prestazione fatta di quantità non disprezzando anche qualche tocco di qualità. Il migliore.

CRISTIANI 7

Inizia un po’ in sordina soprattutto nel primo tempo. Poi , forse anche per il gol che lo galvanizza, spostato decisamente sulla fascia sinistra  da forma ad un binario con Iapichino  molto interessante. Goleador.

NEGLIA 6

Il piccoletto cerca di riprodursi nella sua arma migliore: la rapidità. Non sempre gli riesce anche se partecipa alla manovra anche in fase di copertura rientrando a dar man forte. Utile.

MAROTTA 6

Il nostro Idolo si  vede che ce la mette tutta con la consueta generosità e talvolta con irruenza. Anche troppa. Partecipa alla manovra rientrando a centrocampo e persino in difesa dove si becca anche un’ammonizione. Cerca di sfidare in alcuni duelli i propri avversari ma stasera risulta ben controllato. Ma Marotta è Marotta e non può essere discusso. Indiscutibile

CAMPAGNACCI 6

Entra ma stenta un po’ a trovare l’acuto. Ma il minutaggio non può che fargli bene.

GUERRI E PANARIELLO sv

Entrano per congelare il risultato.

Cosa va

Prima di tutto la vittoria. Senza se e senza ma con una grande ripresa. Un bell’equilibrio tattico facilmente riscontrabile per la compattezza dei reparti mai sfilacciati. Segno di un bel lavoro estivo. I nuovi acquisti che risultano fra i migliori a conforto che forse, salvo smentite nelle prossime gare, risultano azzeccati. Ora sotto a Milano per completare la rosa dietro le punte con un innesto di qualità .

Cosa non va

Una partenza un po’ con il freno tirato ed un po’ di confusione. Magari, da tifoso, mi sarebbe piaciuto chiudere la gara nelle numerose occasioni prodotte nel secondo tempo per evitarmi lo stress dell’ultimo minuto. Ma va benissimo così. (Federico Castellani)

Fonte: FOL