Le pagelle del Fedelissimo online a cura di Federico Castellani

Montipo 8
Il portierino, classe 96, salva in più riprese il risultato. Nei minuti finali con un intervento che ha del prodigioso su un maldestro tentativo autogol di Celiento due metri e poi sfoderando carattere e sicurezza dando forza a tutto il reparto. Credo che sia un predestinato. il migliore.

Celiento 5,5
Complessivamente non sarebbe stato fra i peggiori ma quel pallone scagliato verso la porta senza pressione alcuna poteva farci naufragare.

Portanova 6,5
A difesa schierata noblesse oblige. Cerca di impostare e dare ordine ma non spetterebbe a lui.

D’Ambrosio 6
Si limita a presidiare coadiuvato da Portanova che gli facilità il compito. Qualche incertezza in fase di rilancio.

Boron 5
Solo corsa senza uno spunto. Un fallo lo penalizza e poi conclude con un entrata che, almeno dal campo, era veramente pericolosa. Espulsione e fine della partita.

Burrai 5
Comincia e si fa ammonire. Continua una partita sottotono senza acuti limitandosi a fare il compitino. Troppo poco per quello che ci si aspetta da uno nel suo ruolo.

Bastoni 5
Completamente fuori zona vaga un po’ alla ricerca di posizione. Partita da dimenticare.

Avogadri 5,5
Ma è’ un terzino o un centrocampista? Mi sembrava un po’ fuori contesto anche se cerca di darsi da fare ma con modesti risultati.

Opiela 5,5
Parte benino poi si affloscia e scompare fino ad essere sostituito.

Piredda 5,5
Qualche spunto ma solito falletto evitabile che gli costa la ammonizione e anche la prestazione con il freno a mano. Sembra un po’ troppo ragazzo e deve crescere in maturità gestendosi un po meglio. I piedi ci sarebbero.

Libertazzi 6
Lotta su tutti palloni e cerca di partecipare ma la vede poco anche perché, stasera, il pallone da quelle parti era merce rara. Pero’ utile nei calci d’angolo…..in difesa.

Sacilotto 6
Entra in un momento delicato e mette un po di ordine e esperienza.

Yamga SV

Masullo SV

De Feo 4
Non entra ma trova il modo di farsi espellere nel riscaldamento. Probabilmente per una frase poco urbana rivolta alla terna. Mi ricordo di un allenatore che, per punizione, mandava i giocatori a prendere i palloni nelle ortiche a Uopini. Si chiama Orrico. Forse un po’ di Orrico sistema sarebbe formativo in certi casi.

Cosa ci è piaciuto
Solo il risultato. Del resto non ricordiamo un tiro in porta vero ne’ un calcio di angolo in 95 minuti giocati. Un po’ poco per una partita di calcio.

Non ci è piaciuto
L’atteggiamento timoroso, impaurito, contratto: sembra sempre che la squadra entri in campo con il pensiero di cosa deve fare e nessuno gioca libero di mente. Brutta troppo brutta per essere vera. Nonostante questo portiamo a casa un immeritato pareggio, il quarto e senza subire o fare goal. La sensazione è che, se il livello di questa categoria è questo, basterebbe che qualche giocatore prendesse fiducia e forma psico fisica per tramutare scialbi pareggi in partite da tre punti. Ma il tempo passa e ancora sembriamo in involuzione più che in ripresa. (Federico Castellani)

Fonte: Fol
Foto: Di Pietro