Lazio-Siena 1-1: E’ fAttA!

LAZIO (4-3-2-1): Bizzarri; Scaloni, Biava (dal 39' st Alfaro), Diakite, Garrido; Gonzalez, Ledesma, Konko; Mauri, Candreva; Rocchi (dal 37' st Kozak). All. Reja
A disp.: Berardi, Zampa, Zauri, Cana, Lulic, Alfaro, Kozak
SIENA (4-3-2-1): Pegolo; Belmonte (dal 33' st Del Grosso), Pesoli (dal 46'pt Rossettini), Contini, Rossi; Mannini (dal 21' st Sestu), Vergassola, Bolzoni; Brienza, D'Agostino, Destro. All. Sannino
A disp.: Brkic, Rossettini, Del Grosso, Parravicini, Sestu, Grossi, Bogdani
ARBITRO: Celi di Bari (Nicoletti-Romagnoli/Giacomelli)
AMMONITI: 16' pt Biava (L), 41' pt Ledesma (L), 16' st Bolzoni (S), 47' st Rossi (S)
ESPULSI: nessuno
MARCATORI: 26' pu Destro (S), 17' st rig. Ledesma (L)
ANGOLI: 10-3
SPETTATORI: 26.940 (5.034 paganti, 21.160 abbonati) senesi 70

E' salvezza matematica: finalmente. I ragazzi di Sannino, complice il pareggio del Lecce allo Juventus Stadium, festeggiano all'Olimpico la permanenza in serie A. Un punto, quello conquistato con la Lazio, frutto di tanto cinismo e sofferenza: Destro (11 le reti messe a segno – senza rigori – dall'attaccante) porta in vantaggio la Robur, Ledesma su rigore rimette il risultato in parità. Ma i bianconeri si difendono con le unghie e con i denti, reggono botta, Pegolo si supera, la fortuna ci mette lo zampino quando Kozak centra la traversa. Quarantaquattro punti (a +8 dalla zona retrocessione) a due giornate dalla fine sono una quota 'straordinaria'.

Con qualche bianconero in debito di ossigeno, mister Sannino rivoluziona la difesa: i terzini sono Belmonte e Rossi, i due centrali, con Terzi infortunato, Pesoli e Contini. In mezzo al campo riecco Bolzoni; sulla trequarti dietro a Destro, D'Agostino e Brienza. Reja, con otto indisponibili, praticamente senza centrocampisti, nel suo albero di Natale mette Mauri e Candreava dietro alla prima punta Rocchi. In porta, al posto dello squalificato Marchetti, Bizzarri. 

La prima azione della partita è bianconera: dopo soli 2 minuti D'Agostino mette in mezzo, Destro finta, Mannini non ci arriva. Qualche giro di lancette e Rocchi, ben servito da Ledesma, ci prova al volo di sinistro, fuori. Al 7' punizione per la Robur: batte D'Agostino, direttamente sul fondo. Al 10' Pegolo in uscita a terra riesce a togliere la palla dai piedi di Konko. Occasionissima per la Lazio al 13': un grande Pegolo dice no per due volte a Rocchi, che tenta prima con il sinistro e sulla ribattuta di testa. Poi Candreva punta la porta ma trova la schiena di Belmonte. Al 17' Candreva cade in un contatto con Pesoli, Celi lo invita a rialzarsi. Al 21' Biava stacca sulla punizione di Ledesma, ma non inquadra la porta: più Lazio in campo, i bianconeri si difendono. Con Rocchi non al meglio causa una botta subita nei primi minuti, al 25' prima Candreva, poi Mauri, poi Ledesma dalla distanza non trovano la deviazione giusta. La trova invece Destro al 26': D'Agostino apre per Rossi che crossa perfetto in area, l'attaccante di testa mette a segno l'undicesima rete stagionale. Due minuti dopo fuori invece l'incornata di Konko. Al 31' Mannini sfiora soltanto a tu per tu con Bizzarri. Dall'altra parte da la barba al palo il tentativo di Rocchi. Centrale poi al 32' la conclusione di D'Agostino. Rocchi insiste: al 34' non inquadra di testa, ma poi molla, al suo posto Kozak. Al 42' Mannini ci prova dalla distanza, fuori. Al 47' Kozak non arriva sul suggerimento di Mauri.

Al 4' della ripresa ancora un grande Pegolo tiene inviolata la porta bianconera: Kozak si avventa sul retropassaggio sbagliato di Belmonte, il portiere respinge. Dall'altra parte ottima opportunità per Destro: il numero 22 salta Biava, ma pressato dal difensore a pochi metri da Bizzarri angola troppo. Al 9' sicuro il portiere della Robur anche su Candreva. Sul fondo al 10' il tentativo di Gonzalez. Il Siena è chiuso bene, difficile per la Lazio trovare spazi: i biancocelesti ci provano, ma con foga. Al 16' su corner ancora Gonzalez non aggancia. Il risultato cambia al 17': Candreva, il migliore in campo, cade in un contatto con Bolzoni, Ledesma dal dischetto non sbaglia. Al 21' altra occasione per la Lazio: Biava di testa alza troppo la punizione del capitano capitolino. La Lazio le tenta tutte: prima chiede un altro penalty per un fallo su Mauri (ma Biava è in fuorigioco), poi lo stesso Mauri manda alle stelle su invito di Scaloni. Nemmeno Kozak al 28' trova la porta con Pegolo un po' fuori dai pali. Destro al 32' ci prova da solo, pressato da due avversari: Diakite lo anticipa. Al 36' sono 10 gli angoli per i padroni di casa dopo la respinta di Pegolo sul sinistro di Mauri. Al 38' è la traversa a negare a Kozak la gioia del sorpasso. Al 42' l'estremo difensore bianconero con i pugni dice no, ancora, a Candreva. Nel recupero il Siena si affaccia nella metà campo avversaria, ma senza efficacia. L'ultima azione è dei padroni di casa, ma il risultato non cambia. Per la Robur è salvezza matematica. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line