Lamanna: Sotto con il Bari, vogliamo i tre punti

Di fronte alla squadra che ha lasciato solo qualche mese fa Eugenio Lamanna, vuole vendicare subito la sconfitta di Novara. “E' stata una beffa – ha spiegato l'estremo difensore – perché abbiamo preso gol proprio allo scadere. E su calcio d'angolo. Ci sono situazioni, come le palle inattive, alle quali dobbiamo prestare la massima attenzione. Soprattutto al cospetto di squadre consolidate come gli azzurri, contro le quali non possiamo concederci errori. Da oggi però dobbiamo andare oltre, correggere gli errori e pensare al Bari, giocarcela sfruttando al meglio il fattore campo”. “Non sarà facile contro i biancorossi – ha proseguito Lamanna -. E' indubbio che la società stia attraversando da qualche anno delle difficoltà, ma la squadra è sempre riuscita a tenersi a galla. E i pareggi contro due squadre quotate contro Reggina e Brescia fatto lo stanno a dimostrare. Il gruppo è unito, conosco molti ragazzi, sono uomini e giocatori di valore e sono in grado di superare in campo i problemi”. Per il portiere si tratta quindi di una partita particolare. “Sono stato lì due anni – ha ammesso -, mi farà piacere incontrare i miei ex compagni, i dirigenti e lo staff. Mi farà un po' effetto giocarci contro, sicuramente, ma dovrò pensare solo alla partita e alla necessità di conquistare i tre punti”. Con la cessione di Pegolo al Sassuolo la porta della Robur è passata formalmente nelle sue mani. “Saluto Gianluca che in questo mese ho avuto modo di conoscere e apprezzare – ha dichiarato il bianconero -, sono contento che sia andato a giocare nella categoria che gli compete, la serie A, dopo due stagioni stupende. E' iniziata per me un'annata in cui dovrò cercare di migliorarmi e correggere i difetti. Un'annata lunga e difficile, ma la squadra c'è e vuol fare del suo meglio”. La permanenza in bianconero di Rosina, Angelo e Valiani è sicuramente un'arma in più. “Quando parti con una penalizzazione – ha spiegato Lamanna -, il primo pensiero è azzerarla il prima possibile, qualunque sia l'organico. Poi piano piano gli obiettivi si definiranno, ma solo strada facendo. Ora che il mercato è finito sappiamo quelli che siamo, ma in verità non è mai stato un fattore di disturbo. Siamo sempre stati tranquilli anche grazie ai ragazzi che pur sapendo di dover andare via hanno lavorato sodo come gli altri. Che sarebbero rimasti fino alla fine era nell'aria. Le varie operazioni oggi giorno si concretizzano sempre all'ultimo e coinvolgono per lo più i giocatori di maggiore esperienza, come Gianluca”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line