La vignetta di Mario Lisi…l’arbitressa

Innanzitutto devo lodare l’obiettività e la sportività del FOL che in un proprio trafiletto ha riconosciuto che in occasione del rigore reclamato dal Siena e di quello concesso al Pontedere la direttrice di gara non ha sbagliato affatto. E’ verissimo, ma di fronte alla generale indignazione non era scontato riuscire ad essere così obiettivi!

Detto questo, però, “L’arbitressa” di Livorno la vignetta se la merita tutta perchè, se è vero che l’arbitro migliore è quello che si fa notare poco, lei  ieri ha fatto esattamente il contrario. Ciò che ha irritato tutto e tutti, a parte la prova incolore dei bianconeri, è stata la fastidiosa sicumetra della direttrice di gara, il suo salire spesso alla ribalta, la sua esagerata fiscalità, la sua compiaciuta irruenza nel mostrare i cartellini ai giocatori, per finire con momenti in cui certe decisioni hanno denotato come sia andata anche un po’ – come si dice – “nel pallone”. Ma tant’è.

Insomma, senza volere minimamente disquisire tra arbitri maschi ed arbitri femmine, qui è soprattutto l’aspetto comportamentale dell’arbitro Maria Sole da stigmatizzare.

Finisco con un’ultima osservazione: la designazione di ieri dimostra che quando si precipita in classifica si finisce per avere arbitraggi ancor più scadenti. Ma questa, forse, è un’altra storia.

Fonte: FOL