La storia siamo noi: 8 gennaio 1939 Siena-Fiorentina 3-0

“Questa vittoria se la sono meritata; questo entusiasmo è sfociato, irresistibile, dalla vittoria.

I bianconer il’hanno conquistata sul terreno con una partita splendida per chiarezza di gioco e ammirevole per generosità di condotta. Che il punteggio possa apparire troppo crudo è un’altra questione: ma il risultato è, secondo noi, ineccepibile dal punto di vista tecnico e dal punto di vista della combattività. E quando si pensi che per oltre cinquanta minuti la squadra senese ha dovuto fare a meno di Lenzi, che è l’atleta-cervello e l’atleta-arciere della prima linea; ci si accorgerà dell’importanza che assume la prova bianconera.

Sarebbe un tentativo di dialettica fuori luogo affermare che la foga ha battuto la tecnica, chè il Siena non ha vinto soltanto per il maggiore slancio e per quel guizzo col quale ha saputo riscaldare il suo gioco; la manovra della sua difesa e l’azione della sua mediana essendo state tecniche se per tecnica si deve intendere ordine, chiarezza, tempestività.” (Ilo Bianchi da La Nazione)

Siena: Erbinovi, Manni, Passalacqua, Biasotto, Casalini, Pellegatta, Macchi, Lenzi, Bandini, Dapas, Gambini

Allenatore: Vittorio Faroppa

Fiorentina: Griffanti, Magli, Piccardi, Cuffersin, Pini, Parigi, Menti, Grolli, Di Benedetti, Celoria, Vecchi

Arbitro: Scorzoni di Bologna

Marcatori: 36’ Dapas, 54’ Gambini, 89’ Bandini

Fonte: FOL