La situazione grottesca delle giovanili bianconere

Non si allenano, tranne gli Juniores, non sanno quale sarà il loro futuro, aspettano un comunicato che a quattro giorni dal DPCM ancora non è stato emesso. Non è una situazione da trascurare, perché interessa molti ragazzi e tutti coloro che li seguono nella loro crescita umana e sportiva.

La LND-Comitato Regionale Toscana deve ancora indicare alle società affiliate quale strada intraprendere o meglio ufficializzare ciò che il DPCM del 18 ottobre ha indicato. Non si capisce il motivo di tanto ritardo, sembra quasi un fregarsene dello stato di limbo in cui vivono migliaia di giovani della nostra Regione. Secondo quanto indicato nel DPCM delle dieci squadre che compongono il settore giovanile del Siena, solo gli Juniores potranno continuare nella loro attività, le altre nove si devono fermare. E qui nasce un secondo problema, continuare ad allenarsi individualmente senza disputare i campionati di competenza o andare verso il rompete le righe? 

Dopo che il Comitato Regionale Toscana avrà ufficializzato il tutto, spetterà quindi alla società ACN Siena decidere come proseguire e la scelta deriverà da un confronto tra i responsabili del settore giovanile e i dirigenti bianconeri, ma senza un comunicato ufficiale tutto è fermo. Un problema di tale importanza – perché si parla di giovani – avrebbe meritato maggiori attenzioni e sollecitudine, ma evidentemente questa non è la linea del Comitato Regionale Toscana. Nel frattempo i nostri ragazzi e altri migliaia, rimangono a casa e sfogliano la margherita. (NN)

Fonte: FOL