La serie A è ad un passo, ma non è ancora tempo di togliere le mani dal manubrio

Dopo le ultime più che confortanti uscite per la Robur arriva il turno apparentemente facile contro il Portogruaro. Un gara insidiosa non certo dal punto di vista tecnico, dato il gap enorme che c’è tra i veneti e i bianconeri, ma comunque da prendere con le molle e la dovuta attenzione, visto che i veneti di Agostinelli spesso sono stati protagonisti di ottime prestazioni, magari non sempre supportate dal risultato positivo. Gli amaranto sono però ancora in piena corsa per la salvezza e nonostante il ko casalingo contro la Triestina sembrano crederci ancora. La Robur dal canto suo vuole proseguire nel momento d’oro e ipotecare la promozione diretta. Una vittoria domani permetterebbe alla squadra di Conte di andare a Novara consapevole del fatto che in caso di ulteriori tre punti la promozione sarebbe matematica. Rispetto a Grosseto la squadra ritrova due elementi importanti come Brienza e Bolzoni, che però sono stati degnamente sostituiti da ‘riserve’ di lusso come Troianiello e Marrone. Ed è proprio questa la forza di un gruppo che mai come in questo girone di ritorno è riuscito a sopperire ad assenze, infortuni e momenti di scarsa forma di alcuni elementi. La serie A adesso è davvero ad un passo, ma non è ancora tempo per togliere le mani dal manubrio. Anche perchè il primato assoluto è a portata di mano.  (Guido De Leo)

Fonte: Fedelissimo Online