LA ROBUR C’E’. PAREGGIO MERITATO

In una gara delicata per la rincorsa alla salvezza Di Carlo sceglie di puntare su Reginaldo e Gasbarroni a supporto di Corradi. Mandorlini invece si affida al talento di Locatelli per cercare di salvare la panchina dopo gli ultimi risultati non molto positivi. I padroni partono con decisione, riuscendo a sfondare soprattutto sulla fascia sinistra con Castellini e il duo Gasbarroni-Reginaldo che svaria su tutto il fronte d’attacco. Dopo appena quattro minuti però è il Siena che va vicinissimo al gol con De Ceglie: l’ex juventino, approfittando di un errore di Coly, si presenta solo davanti a Pavarini che gli devia in angolo la conclusione. Dopo un paio di spunti di Corradi e Gasbarroni, al 23′ arriva il vantaggio dei ducali: Reginaldo si libera bene sulla sinistra e crossa basso per l’ex centravanti del Manchester City che di piatto insacca da un metro. Il Siena sembra patire il colpo ma dieci minuti più tardi, Locatelli lancia splendidamente De Ceglie in area che pareggia il conto con un gran sinistro. Nel secondo tempo il Parma riparte con decisione alla ricerca di una vittoria fondamentale. Il Siena si difende con ordine rintuzzano gli attacchi che arrivano soprattutto dalla fascia sinistra. Di Carlo prova a cambiare mettendo dentro Matteini ed è proprio l’ex empolese, che facendo tutto il campo in contropiede, trafigge Eleftheropoulos. Gravissimo errore di impostazione del Siena che si fa trovare impreparato su un calcio d’angolo a favore. Partita finita? Neanche un po’ perché il Siena si gioca il tutto per tutto con Frick e Bucchi nel tridente offensivo: Pavarini si esalta sul colpo di testa di Bucchi ma nulla può sul tiro di Galloppa deviato da Rossi. Pareggi strameritato, i tifosi esultano i giocatori e mister Mandorlini vengono sotto il settore a ringraziare
Fonte: Fedelissimi
Foto: Kataweb