La Robur a cena con Corrente Bianconera: Le voci dei protagonisti

Il Siena Club Corrente Bianconera ha festeggiato ieri sera, insieme alla Robur, il Natale e l'arrivo del Nuovo Anno. All'agriturismo Il Ciliegio rappresentanti della società bianconera, tra cui il responsabile dell'area tecnica Giorgio Perinetti, mister Sannino, che si è 'diviso' con l'altra Cena degli Auguri in programma, ma non è voluto mancare all'appuntamento, Angelo, Reginaldo, Del Grosso e Terzi hanno brindato con i loro tifosi. Tanti e molti giovanissimi, pronti, come sempre a scattare foto, farsi firmare autografi e scambiare due parole con i protagonisti della domenica. Proprio i bambini della Scuola media Dante Alighieri, con i loro disegni, hanno realizzato il Calendario 2012 del Club, in una sorta di collaborazione con la Robur, che a gennaio manderà una delegazione della squadra nelle aule dell'Istituto e ha invitato i ragazzi al Franchi a tifare la squadra. A presentare la serata Marzia Faraone, ad allietare la cena, il menestrello bianconero Roby Ricci.
“Come da tradizione, anche quest'anno abbiamo voluto festeggiare insieme alla Robur – ha detto il presidente del Siena Club Corrente Bianconera Damiano Umiliati -, in una bella serata piena di amici. Dispiace per il momento che sta attraversando la Robur: stiamo raccogliendo meno di quello che meritiamo. Sono però convinto che tutti insieme riusciremo a tirarci fuori da questa situazione. Già vincere sabato ci permetterebbe di fare un passo da giganti in classifica e i tre punti farebbero dimenticare le ultime quattro partite. La classifica è corta e la fiducia tanta”.
“Certo che mi sono piaciute le canzoni che mi sono state dedicate – ha sorriso Reginaldo -, come lo spirito della serata. Ridere e divertirci insieme è il modo giusto per mettere da parte ciò che non va. Come squadra ci stiamo impegnando al massimo per superare il momento e riprendere la strada intrapresa all'inizio. Siamo un buon gruppo, giochiamo bene, la fortuna non è dalla nostra. Non può essere un alibi, certo, ma siamo tranquilli e consapevoli delle nostre forze. Il rigore negato? Sono cose che nel calcio succedono e alle quali non possiamo appellarci. Dovremmo semmai pensare a segnare per primi, invece di aspettare il penalty”. A tutto Brasile. “E' divertente firmare autografi e farsi scattare foto con i bambini – le parole di Angelo -, cose che facevamo noi quando eravamo piccoli. Per la squadra è un momento abbastanza delicato. Su 12 punti in palio ne abbiamo guadagnato solo uno. A lasciarci tranquilli sono le ottime prestazioni. Il mio momento? Ho giocato tre partite titolare e credo di non aver demeritato. Posso dare di più, certamente, lo farò quando ne avrò la possibilità”. “Siena-Genoa – ha aggiunto -, è un'altra gara delicata, ma non è l'ultima spiaggia. La stiamo preparando bene, come sempre, pur consapevoli di affrontare una squadra di qualità”. “E' stata una bella cena – ha commentato Claudio Terzi -, siamo stati bene, tutti e quattro e colgo l'occasione per fare gli auguri a tutti i tifosi della Robur. Ci dispiace per come sono andate le ultime gare, abbiamo raccolto molto meno di quanto ci spettava. Speriamo che la tendenza cambi, noi dovremo metterci ancor più concentrazione per non commettere gli stessi sbagli”. “Siena-Genoa – ha concluso il difensore -? Per noi deve essere la partita della vita. Dobbiamo vincere, per il morale e per la classifica. La loro classifica non rispecchia il valore dell'organico, sono un'ottima squadra Ma noi giochiamo in casa, dove dobbiamo costruire la nostra salvezza, e a tutti i costi vogliamo i tre punti”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line