La risposta della Robur a Sane

La Robur ha risposto alle accuse di Sane con un comunicato ufficiale che riportiamo integralmente. “La società Robur Siena e i suoi tesserati respingono le accuse di razzismo arrivate all’indomani della sfida vinta contro il Pontedera. A seguito di spiacevoli schermaglie in campo, un ignoto calciatore bianconero è stato accusato di aver rivolto insulti razziali ad un calciatore avversario. L’episodio è stato raccontato dalla presunta vittima dell’incidente ad alcuni organi di stampa, ma come si evince dal comunicato ufficiale del giudice sportivo, niente di ciò che è stato raccontato è stato segnalato. Infatti, il calciatore del Pontedera non ha fatto il nome del giocatore della Robur Siena che lo avrebbe insultato: non è una dimenticanza, semplicemente nessun tesserato ha mai rivolto insulti razziali agli avversari in campo. La Robur Siena‎ vive il calcio come genuina passione e coglie l’occasione per ribadire quanto sia importante nella sua attività quotidiana mettere al centro del lavoro i valori propri del calcio, quali tolleranza e integrazione”. Fonte: Fedelissimo on line