La rete di D’Agostino vista dalla Curva Robur