La Nazione: Il Novara all’ultimo tuffo

Un finale che sa di beffa per la Robur, anche se rimane da sottolineare l’ottima prova del Novara, che anche al Franchi si è dimostrata squadra di rango. Il gol nel recupero di Emanuel Gigliotti permette alla squadra di Tesser di uscire imbattuta dal Franchi e di certificare il primato dei suoi, visto che adesso il Siena neanche vincendo il recupero di Vicenza dell’otto dicembre potrebbe raggiungerlo.

 E’ stata una sfida equilibrata fin dalle prime battute, con occasioni da entrambe le parti: se infatti Coppola nel primo tempo è stato attento e provvidenziale su Gonzalez e Scavone, dall’altra parte Calaiò centrava un palo clamoroso si azione d’angolo. Sulla ribattuta però Terzi non riusciva a metterla dentro, non replicando quindi la rete di sette giorni fa a Portogruaro. Dopo una prima frazione condotta molto bene dai piemontesi nella ripresa padroni di casa più incisivi e vicini al gol grazie a due pericolose incorsioni di Reginaldo e con un tiro di Bolzoni . Dall’angolo susseguente il neo entrato Larrondo insacca dopo una mischia. Quarta marcatura stagionale per l’argentino, sempre decisivo a partita in corso.  Quando ormai sembrava finita e il Siena pareva aver incassato treimportantissimi punti,  Gonzalez si inventava un assist perfetto per il connazionale Gigliotti che di testa in tuffo batteva Coppola, facendo esplodere di gioia i tanti tifosi ospiti. Vibranti però, soprattutto nel dopo gara, saranno le proteste della panchina bianconera nei confronti del direttore di gara, reo di non aver visto un fallo metà campo su Terzi sulla ripartenza decisiva.  Non è però ancora finita: l’ultimo sussulto, infatti,  lo regala Troianiello, che con un tiro cross a tempo scaduto centra la parte alta della traversa. Alla fine un pareggio tutto sommato giusto, anche se in casa Robur il rammarico per non aver portato a casa il risultato pieno è grande. (Guido De Leo)
Fonte: La Nazione