La Nazione – Ai Fedelissimi una serata speciale

«Una festa festa non di noi tifosi, ma di una grande donna»: Nicola Natili ha introdotto così la cerimonia di consegna del Premio Robur 2018 ad Anna Durio. Un riconoscimento con cui i Fedelissimi hanno voluto omaggiare la presidente del Siena, e con lei la sua forza, la sua voglia di combattere. E il sogno che tutti sperano di realizzare insieme. «Una persona e non un personaggio – ha detto il giornalista Daniele Magrini che ne ha tracciato il ritratto -, una donna vera, genuina semplice». Al coro ‘C’è solo un presidente’, Anna Durio ha ricevuto la pergamena dal numero uno dei Fedelissimi, un Lorenzo Mulinacci «orgoglioso e felice». Non è voluta mancare «la mamma di tutti i tifosi della Robur», Margherita Capperucci. E se Francesco Vannoni ha ‘inviato’ ad Anna Durio un sonetto, divertentissime le cover di Paolo Di Siena: sulle note di ‘Hanno ucciso l’uomo ragno’ ha ripercorso l’incredibile nottata nello studio di Mandarini, mentre su quelle di ‘Tanti auguri’ ha ripercorso la storia della presidente. «E se si inc… lo sai poi che fa, vende tre o quattro navi e si va in serie A!».

Fonte. La Nazione