E arrivò il momento della matrioska

Il ceffone di ieri, sonoro come pochi altri, ha svegliato tutti, speriamo che sia servito anche alla società che, a quanto pare, ha aperto a Siena una sede dell’UCAS, Ufficio Complicazioni Affari Semplici. Forse si è perso di vista la realtà, forse non è ben chiaro che il Siena sta cercando di riconquistare un posto nel calcio professionistico, che milita nella quarta serie nazionale, nell’inferno della serie D e che per raggiungere l’obiettivo deve vincere questo maledetto campionato. Nelle ultime settimane si sono susseguite decisioni sinceramente poco comprensibili e che stando alle voci che circolano da giorni, non fanno prevedere niente di condivisibile, almeno da parte di chi segue da anni il calcio italiano e nello specifico il Siena. A distanza di giorni ancora non abbiamo capito la separazione da Gilardino, un allenatore che a nostro parere ha avuto il solo torto di non accettare l’inconsueta procedura di doversi confrontare con persone che, pur essendo sicuramente preparate, non hanno nessun contatto reale con la serie D italiana e di chiedere rinforzi pronti all’uso. Un errore gravissimo., destabilizzante. La successiva scelta di Argilli aveva una logica molto condivisibile, ma non annunciando contemporaneamente all’incarico la data della sua scadenza. Secondo errore, quanto meno di forma e anche di rispetto, perché Stefano e Gill, rappresentano una fetta importante della nostra storia. O ci si crede o si lasciano al loro incarico abituale. Ma il bello, si fa per dire, è dietro all’angolo, con l’arrivo sulla panchina di un gruppo eterogeneo di tecnici, una sorta di matrioska per rimanere sul tema che, nelle intenzioni della società, dovrebbero raddrizzare la rotta e approdare felicemente in serie C. Ce lo auguriamo, con il cuore, sinceramente, però concedeteci almeno di essere perplessi, dubbiosi e anche un po’ preoccupati, il calcio è molto più semplice di quanto si pensi e certe soluzioni intrigate, ci fanno tanta paura. Speriamo di sbagliarci, auguriamoci che il Siena riprenda a vincere e raggiunga presto la vetta, saremo i primi a riconoscere che non ci abbiamo capito niente e ci cospargeremo il capo con la cenere.

Fonte: FOL