L’ ex Silvestri: “Siena, occhio a Zizzari e Lombardi. Io via per scelta personale”

A Mercoledi Robur, la trasmissione del mercoledi di Antenna Radio Esse, è intervenuto l’ex Roberto Silvestri, ceduto al Gavorrano a dicembre, per parlare della prossima delicata sfida tra bianconeri e rossoblu.

“Ritornare al Franchi è una sensazione bellissima, lo stadio sarà strapieno e dovesse vincere il Siena andranno in C. Noi non abbiamo ancora la certezza matematica, ci manca un punto. Non saremo arrendevoli perchè non vogliamo arrivare con l’acqua alla gola all’ultima giornata”.

“Al Siena toglierei sicuramente Titone, a volte crea confusione ma corre da tutte le parti. E’ un giocatore che sposta gli equilibri. Del Gavorrano Zizzari perchè lotta su tutte le palle. E Lombardi, che è tecnico e nell’uno contro uno salta facilmente l’uomo. Se riesci a fermare uno dei due fermi gran parte della squadra”.

“La posizione è la stessa, anche se con Morgia facevo l’esterno con la difesa a 3 dietro, a Gavorrano ho un uomo dietro e devo pensare piu all’attacco e meno alla difesa. All’andata abbiamo cambiato modulo e ci siamo coperti di più a centrocampo. Adesso non so se si rimarrà sul 4-4-2 o il mister deciderà di cambiare. Sul mio lato incrocierò Varutti, speriamo non mi faccia correre tanto, è un treno e non si ferma mai”.

“Perchè via da Siena? E’ stata una scelta personale, la società mi voleva tenere. Pentito? Nel senso che potevo lottare per vincere il campionato, sì, però qui ho trovato il mio spazio e ho giocato quasi sempre. Per un giovane l’importante è sicuramente giocare. (Giuseppe Ingrosso)

Fonte: Fedelissimo Online