L’Empoli rifila tre schiaffi al Siena

SIENA, PRIMO PIANTO – Giunge al Castellani la prima battuta d’arresto del Siena, ed è un ko che fa male perché arriva nel derby toscano. Il 3-0 incassato contro l’Empoli è difficile da digerire, ma la sconfitta è meritata, visto che sono stati gli uomini di Aglietti a rendersi più pericolosi per tutta la durata della partita: conservata così l’imbattibilità in campionato, mentre i bianconeri assaporano per la prima volta il gusto amaro della sconfitta e con essa la mancata ri-conquista della leadership.
COPPOLA, CHE COMBINI? – L’inzio di match è piuttosto soporifero, tant’è che per sbloccare il risultato c’è bisogno di una papera bella e buona di Coppola, che non trattiene un pallone innocuo consentendo così a Coralli di mettere dentro, con la porta rimasta sguarnita (35′). Non passano nemmeno dieci minuti e i padroni di casa raddoppiano: l’ottimo Fabbrini dentro l’area fa partire un sinistro (nella foto: AP/LaPresse) sul quale stavolta Coppola è incolpevole. Lo stesso non si può dire della sua retroguardia…
PUNIZIONE SEVERA – L’uno-due dell’Empoli è un colpo difficile da assorbire per gli ospiti, incapaci di reagire nei restanti 45′. La girandola di cambi non sortisce effetti, e sono invece i padroni di casa a sfiorare il 3-0 con Foti, che trova la provvidenziale deviazione di Del Grosso. Il 3-0 arriva comunque, al minuto 84, quando il nuovo entrato Soriano controlla in area di petto e Troianiello tocca il pallone con la mano. Dal dischetto Coralli non sbaglia, spiazza il povero Coppola e chiude definitivamente la pratica.
Il nervosismo nel finale si va via via spegnendo con il passare dei minuti: il Siena si rassegna alla sconfitta mentre l’Empoli incassa con gioia tre punti preziosi per riavvicinarsi ai piani alti della classifica. Con Coralli e compagni fa festa anche il Novara, che resta solo al comando. Per il Siena nessun dramma: un passo falso può capitare, e il riscatto è atteso già al prossimo turno: al Franchi arriva il Crotone, la marcia bianconera (forse) potrà ripartire.
Fonte: Eurosport