L’avversario di oggi: La Juve Stabia

Spulci la rosa delle Vespe e ti chiedi come mai nessuno calza i numeri 1 e 12. Eppure come recitava il primo comandamento abodiano di agosto: “Da quest'anno i numeri devono essere progressivi e i portieri devono avere obbligatoriamente il numero 1,12 e 22.

In estate il primo numero era stato scelto da Branescu, che però ha traslocato con Diop a Lanciano nell’ultimo giorno di mercato invernale. Così il suo sostituto Benassi si è preso la 66, alla faccia delle regole e delle tradizioni. E la 12? L’attuale secondo gialloblu, Viotti, mostra sulle spalle il 33; Calderoni, che ha rescisso a metà gennaio in direzione Carrara, sfoggiava il 44. Nessuno dei due ce l’aveva perché nessuno dei due poteva averla. La 12, infatti, è stata ritirata. Adesso l’altro rebus è: qual è il motivo? Magari per onorare qualche bandiera, come il capitano storico Gaetano Musella? O per omaggiare le ventuno reti di Marco Sau due anni or sono? Macché. Il gesto venne fatto durante la presentazione della stagione 2011/2012 (con il ritorno in serie B dopo sessant’anni) in onore alla Curva Sud. Un’iperbole del motto “il tifo è il dodicesimo uomo in campo”. Ma quest’anno la numerazione dei portieri sarebbe regolamentata.

La Juve Stabia allora si appella alla Lega Calcio di Serie B e ottiene l’autorizzazione a non assegnare la maglia n. 12. Non è la prima volta, anzi. Il Flamengo la ritirò per omaggiare il leggendario Maracanà, il River la tolse per spregio quando i rivali del Boca la dedicarono alla loro tifoseria. Ma la pratica spopola anche da noi. Atalanta, Genoa, Lazio, Palermo. Guarda caso, il ritiro va a braccetto con la calorosità e il fervore del tifo.

La formazione – Esonerato Braglia, artefice della scalata in B, Pea ha fatto leggermente meglio (7 punti in 9 partite) realizzando per la prima volta tre risultati utili consecutivi. Nel 3-5-2 delle Vespe, davanti a Benassi, giocano Ghiringhelli, Lanzaro e l’ex Contini. Fermi ai box Vitale e Mezavilla; Zampano e Liviero sono i tornanti mentre la mediana è composta da capitan Caserta, Djibi e De Falco. In attacco il gambiano Sowe è destinato alla panchina, dato che la coppia fissa sembra essere Falco-Di Carmine, capocannoniere gialloblu con sei reti. (Giuseppe Ingrosso)

La rosa:

66 BENASSI Massimiliano 1982 P
33 VIOTTI Sergio 1991 P
44 DI STASIO Angelo 1992 P
28 CONTINI Matteo 1981 D
6 PICCIONI Marco 1976 D
31 ROMEO Samuele 1990 D
19 DI NUZIO Francesco 1986 D
15 GHIRIGHELLI Luca 1992 D
2 CIANCIO Simone 1988 D
17 ZAMPANO Francesco 1994 D
30 LIVIERO Matteo 1994 D
4 DE FALCO Andrea 1986 C
5 GIANDONATO Manuel 1992 C
7 SUCIU Sergio 1991 C
8 MEZZAVILLA Adriano 1983 C
10 CASERTA Fabio 1979 C
14 DJIBY N'Diaye 1994 C
20 BARAYE Yves 1993 C
27 PARIGINI Vittorio 1997 C
9 DI CARMINE Samuel 1989 A
10 FALCO  Filippo 1993 A
13 DI NARDO Antonio 1981 A
16 SOWE Alì 1995 A
18 MONTINI Mattia 1993 A
21 D0UKARA Souleymane 1992 A

Fonte: Fedelissimo online