L’avversario – di Francesco Pacciani

La prossima giornata di campionato ci vedrà ospitare il Novara al Rastrello. La squadra piemontese occupa, attualmente, il penultimo posto in classifica, a -12 dalla Robur e, negli ultimi tre incontri, ha raccolto solo 3 punti, frutto della inaspettata vittoria casalinga per 1-0 sull’Udinese, preceduta dalle sconfitte esterne con Bologna (1-0) e Catania (3-1).

Il tecnico Tesser, tornato al Novara dopo la parentesi Mondonico, è galvanizzato dalla vittoria e non usa mezzi termini per parlare delle sfide che attendono la sua squadra: “Avevamo detto la scorsa settimana che ci aspettavano 12 finali” ha commentato l’allenatore “La prima l'abbiamo vinta e ora ce ne ritroviamo un'altra davanti, tra l'altro contro un Siena che è in un ottimo momento: non per nulla viene da tre vittorie di fila”. Tesser ha, poi, aggiunto che, con tre punti per gara, un filotto di vittorie può aprire prospettive insperate per il Novara: appare, dunque, evidente quanto il tecnico creda nella salvezza della propria squadra, nonostante che la classifica non le stia sorridendo. Il centrocampista Porcari ha rincarato la dose, aggiungendo la propria interpretazione riguardo all’ultima prestazione in campionato della sua squadra: “In campo abbiamo giocato anche per Tesser. Senza nulla togliere al lavoro di Mondonico, siamo contenti del suo ritorno e ci tenevamo a dimostrarlo” ha detto il centrocampista, cresciuto nelle giovanili del Parma “Forse anche per questo ci abbiamo messo un'aggressività superiore; ora dovremo mantenere questo atteggiamento anche nelle prossime partite: così possiamo ancora salvarci.”

Lasciando da parte i vari proclami e venendo al calcio giocato, Tesser dovrà fare i conti con le assenze del vicecapitano Ludi (che sta recuperando da un intervento chirurgico alla caviglia) e dell’esperto centrocampista Marianini (l’ex empolese è stato fermato da un problema ad una tibia); sembrano, invece, recuperati il difensore argentino Santiago Garcia ed l’italo-tedesco Gemiti: entrambi avevano accusato dei fastidi  durante la settimana. Tenendo conto di queste assenze e delle dichiarazioni di Tesser durante la settimana (il tecnico ha ribadito la sua fiducia incondizionata all’attaccante brasiliano Jeda), sembra lecito aspettarsi un solido 5-3-2: la porta azzurra sarà difesa dal giovane albanese Ujkani; la folta difesa dovrebbe essere composta dallo svizzero Morganella, dal “sindaco” (come è chiamano dai suoi tifosi) Lisuzzo, dall’esperto Paci e dai già citati Garcia e Gemiti; il centrocampo sarà probabilmente affidato a Porcari (al quale potrebbe, però, subentrare il serbo Radovanovic), a Simone Pesce ed a Rigoni; il reparto offensivo, infine, sarà costituito dai bravi Mascara e Jeda, con il giapponese Morimoto e “l’airone” Caracciolo relegati in una panchina che potrebbe anche stare loro un po’ stretta.

Lo scontro con il Novara si preannuncia importante: come la settimana scorsa, ci troveremo ad affrontare una squadra che ha un disperato bisogno di punti per alimentare le proprie speranze di salvezza. E, come la settimana scorsa, dovremo essere in grado di non guardare in faccia a nessuno, giocando e combattendo con lucidità e tenacia.

 

Fonte: Fedelissimo on line