L’AVVERSARIO di Francesco Pacciani

Domenica affronteremo il Bari nella sfida casalinga. I “galletti” pugliesi arriveranno a Siena forti di una buona posizione di classifica, visto che il Bari (neo promosso) è riuscito ad imporsi come una delle migliori sorprese di questa Serie A. I biancorossi, infatti, si trovano a quota 43 punti e per loro si può già parlare di salvezza raggiunta. La squadra di Mister Ventura nelle ultime tre partite ha collezionato 4 punti, imponendosi per 2-1 con la Sampdoria, pareggiando 1-1 a Livorno e perdendo in casa per 1-0 contro la Roma, che ha potuto fare affidamento anche sull’esodo dei propri tifosi, giunti in dodicimila al San Nicola.

Il tecnico ha commentato la sconfitta casalinga con la Roma, evidenziando come la sua squadra non si sia dimostrata inferiore a quella capitolina: “Abbiamo preso goal su un unico tiro in porta e nel secondo tempo li abbiamo anche messi in difficoltà” ha detto Ventura “Di fronte avevamo una squadra di qualità, ma se avessimo pareggiato nessuno avrebbe potuto dire nulla”. L’ex terzino destro bianconero Nicola Belmonte ha, invece, detto la sua sull’imminente sfida con la Robur: “Affronteremo una squadra che è ultima in classifica” ha affermato il promettente giocatore “ma le ultime prestazioni dei toscani non sono state da buttar via, dunque non dobbiamo sottovalutarli”. Per quanto riguarda l’infermeria, quella del Bari è attualmente piuttosto affollata: sia Almiron che Donati potrebbero essere costretti a saltare la partita con il Siena. Il primo ha accusato una contusione al ginocchio sinistro, mentre il secondo è rimasto vittima di un affaticamento muscolare. Ai due centrocampisti si aggiungono, poi, altri infortunati, quali Kutuzov (che sta recuperando da un intervento chirurgico), il promettente centrale di difesa Andrea Ranocchia (per il quale si parla di stagione finita), Langella e Meggiorini. Quest’ultimo, nelle mire della Robur durante lo scorso mercato estivo, ha accusato una pubalgia. Alla luce di queste probabili assenze, sembra lecito aspettarsi che il “decano” Ventura si affidi ad un classico 4-4-2, con lo storico portiere-capitano Gillet fra i pali, una difesa a quattro con i due ex Belmonte e Andrea Masiello (che, stando alle dichiarazioni rilasciate, sembra avere il dente avvelenato nei confronti della Robur) a cui vanno ad aggiungersi il forte Bonucci e Salvatore Masiello (omonimo del compagno di reparto, ma che non ha trascorsi in bianconero). Il centrocampo sarà composto da Alvarez, Gazzi (che, in settimana, ha prolungato il proprio contratto con il Bari di altri 3 anni), De Vezze e Kamata. Completano la formazione le due punte Barreto e Castillo. La squadra barese è riuscita a disputare un buon campionato grazie ad attenti investimenti fatti nel periodo estivo: anche se i nomi non sono eccellenti, i “galletti” possono fare affidamento su diversi giovani di qualità e di buona prospettiva (Ranocchia, Bonucci, Barreto), oltre che su alcuni giocatori più esperti e ben assortiti nei vari reparti, quali il portiere belga Gillet ed il forte attaccante Castillo (classe ’75), autore di ben 21 reti con la maglia del Pisa, durante la sua militanza in neroazzurro. Il nostro campionato è ormai compromesso, ma non dobbiamo tirare i remi in barca: la sfida con il Bari rappresenta l’opportunità di non sfigurare e, pertanto, dovremo cercare di affrontarla nel migliore dei modi, nella speranza di contrastare lo scoramento di cui è logicamente vittima una tifoseria che vede retrocedere la propria squadra. Gettiamo le basi: il prossimo anno serviranno entusiasmo e voglia di lottare.

Fonte: Fedelissimo online