Juve Stabia, Manniello show: “Ecco cosa non ha funzionato nelle prime tre giornate. No alle donne nel calcio”

Ne ha per tutti il presidente della Juve Stabia Francesco Manniello, che nonostante la partenza ad handicap difende la squadra a spada tratta. In esclusiva per Tmw.

Presidente, cosa le hanno lasciato queste tre partite?

"Sarò sincero nella prima giornata non abbiamo praticamente giocato, nella seconda e nella terza siamo stati defraudati. Con lo Spezia il guardalinee ha chiamato un fuorigioco inesistente che ci ha negato il 2-1 e oltre a non essere passati in vantaggio alla fine abbiamo perso. Contro la Reggina il gol firmato Di Michele era in netto fuorigioco. Il campionato di Serie B è talmente livellato che le partite sono determinate dagli episodi.
E poi mi chiedo una cosa…".

Prego

"Crede che una donna possa fare il guardalinee? Scientificamente la prestazione di una donna non è paragonabile a quella di un uomo. Non voglio sembrare maschilista, ma se nelle competizioni le donne gareggiano con le donne e gli uomini con gli uomini un motivo ci sarà. Di conseguenza se il guardalinee non riesce a indovinare un fuorigioco perché non tiene il ritmo dell'atleta allora conviene che arbitri il calcio femminile. Poi, sia chiaro, le donne possono fare i ministri, i presidenti della Repubblica. Ma nello sport serve fare distinzione, altrimenti anche alle olimpiadi dovremmo mischiare uomini e donne".

In tutto questo Lei assolve la Juve Stabia?

"Non solo assolvo la Juve Stabia, ma sono convinto di avere la migliore squadra degli ultimi 3 anni di Serie B. Abbiamo mille giustificazioni, domenica c'erano 9 uomini nuovi rispetto alla stagione scorsa. E poi la partenza al rallentatore è solitamente beneaugurante per noi".

Braglia può stare tranquillo

"Certamente. Colgo l'occasione per dichiarare ufficialmente che il nostro allenatore è e resterà Braglia. E' più facile che mi dimetta io!".

Fonte: tuttomercatoweb.com