Intervento di Lallo Meniconi su calcioscommesse e società

In questo momento, dopo la bella vittoria con L’Udinese, a tenere banco sono ancora le notizie molto contrastanti sulla vicenda del calcio scommesse, che vede per l’ennesima volta coinvolto il Siena. E’  un susseguirsi di annunci, smentite e ancora annunci, quelle che riempiono la bocca e la carta di molti personaggi, fuori e dentro al mondo del calcio. Francamente non ricordo un anno, dalla storica promozione in serie B con Sala, in cui la Robur non sia in qualche misura stata accostata a qualche situazione poco chiara, da coloro che si reputano i bene informati e da qualche giornalista o giornalaio che ha un qualche interesse a tenere viva l’attenzione su questo fenomeno, che sicuramente non esalta il mondo del pallone, ma soprattutto no rende merito a quelle Società che hanno sempre operato nella maniera più trasparente, come la nostra. Principalmente credo che ci sia un problema di fondo, se professionisti strapagati, idoli di tifoserie e intere città, si prodighino nel tentativo truffaldino di racimolare più soldi possibili, vendendo le partite o scommettendo illegalmente sui risultati delle gare. Una Società di calcio può avere delle grosse responsabilità quando copre i colpevoli di certi illeciti o partecipa con i suoi dirigenti a queste combine, ma non può essere tirata in ballo per  responsabilità altrui, perché fino a prova contraria ognuno risponde penalmente delle sue azioni e se io ho in casa soggetti che con il tempo si rivelano degli emeriti disonesti e truffatori, non posso essere colpevolizzato per tali comportamenti, ma se non altro mi posso dichiarare io stesso un danneggiato.

Mi sembra quindi che come sempre si stia creando una tempesta in un bicchiere d’acqua e comunque tutto quello che c’è nelle carte dei giudici, spesso frutto di dichiarazioni poco attendibili, deve essere dimostrato con prove concrete, quindi considerando che tutti noi tifosi nutriamo la massima fiducia sull’operato dell’A.C. SIENA, mi considero da questo punto di vista, pressoché sereno.

 

Un altro problema che assilla e preoccupa i tifosi è il futuro economico-societario del Siena, alla luce di quanto sta succedendo nella nostra città, legato alle sorti della banca cittadina. Con molta probabilità dal prossimo campionato avremo una forte riduzione in termini monetari da parte dello sponsor MPS e questo non ci permette di dormire sonni tranquilli. Anche qui c’è chi vuole strumentalizzare la situazione, cominciando a cospargere di illazioni e futuribili scenari, quello che accadrà fra non molto. In questo clima di incertezza e con i dubbi che nutriamo sulla forza dell’attuale Società, guidata dal Presidente Mezzaroma, vogliamo che alquanto prima si possa avere da parte della proprietà un segnale di un rinnovato impegno nel garantire un futuro all’ A.C.SIENA.

Se per il sopraggiungere di tali difficoltà, dovesse venire meno il coinvolgimento del Presidente Mezzaroma, si devono avere i tempi tecnici per trovare altre soluzioni per il bene e il futuro della Robur.

LALLO MENICONI.