Inter-Siena 0-2

INTER (4-3-2-1): Handanovic, Nagatomo, Ranocchia, Juan Jesus, Pereira, Guarin (dal 10' st Alvarez), Cambiasso, Gargano (dal 35' st Coutinho), Sneijder, Cassano (dal 40' st Livaja), Milito. All. Stramaccioni
A disp.: Castellazzi, Belec, Samuel, Chivu, Jonathan, Bianchetti, Duncan, Zanetti, Silvestre, Coutinho, Alvarez, Livaja.
SIENA (3-4-2-1): Pegolo, Neto, Paci, Felipe, Angelo, Vergassola, D’Agostino (dal 9' st Rodriguez), Del Grosso, Rosina (dal 42' st Sestu), Zè Eduardo (dal 33' st Valiani), Calaiò. All. Cosmi
A disp.: Farelli, Marini, Martinez, Dellafiore, Rubin, Verre, Rodriguez, Setu, Valiani, Paolucci, Bogdani
ARBITRO: Massa di Orsato-Di Bello (Paganessi-Musolino, Cariolato).
AMMONITI: 10' pt Rosina (S), 18' pt Calaiò (S), 16' st Pegolo (S), 18' st Juan Jesus, 19' st Angelo (S)
ESPULSI: nessuno
MARACTORI: 27' st Vergassola (S), 47' st Valiani (S)
ANGOLI: 10-7
SPETTATORI: 40.357 (33.975 abbonati e 6.382 paganti) Senesi 21

 

Inter-Siena è la partita dei tabù da sfatare. I nerazzurri vogliono vincere sul nuovo manto di San Siero, che non ha ancora visto un successo delle due milanesi. La Robur vuole battere per la prima volta l'Inter, l'unica big con cui non l'ha mai spuntata. E alla fine la storia si tinge di bianconero. I bianconeri vincono 2-0 con le reti di Vergassola e Valiani.

Un coraggioso Serse Cosmi rischia tutto: dentro i due trequartisti, Rosina e Zé Eduardo dietro a Calaiò. In mezzo ci sono Vergassola e D'Agostino. Sugli esterni Angelo e Del Grosso, in difesa con Paci e Neto rientra Felipe.

Si parte con il minuto di raccoglimento in ricordo di Arrigo Gattai, l'ex presidente del Coni scomparso nei giorni scorsi.

Non parlare più di penalizzazione e di blocchi mentali in settimana ha fatto bene alla Robur: i bianconeri scendono in campo con quella personalità che richiede uno stadio come il Meazza. Nei primi due affondi nerazzurri la retroguardia bianconera, prima con Neto, poi con Del Grosso è ben attenta, dall'altra parte Zé Eduardo, molto arretrato, scalda il motore. Non ha paura la squadra di Cosmi: al 5' sul cross di Angelo Juan Jesus devia in angolo. Sugli sviluppi l'Inter riesce ad allontanare, Vergassola evita la ripartenza di Sneijder. Al 7' Rosina arriva sul traversone lungo di Del Grosso, passa ad Angelo, ma il suo cross finisce oltre la linea. Cassano supera Neto, mette in area, Pegolo non ci arriva, ma nemmeno Guarin. Al 12' punizione per i padroni di casa. Batte Sneujder, allontana Vergassola. L'atteggiamento è quello giusto, i bianconeri fanno del sacrificio l'arma in più. Al 16' ancora un angolo per il Siena, questa volta è Pereira che di oppone ad Angelo. L'Inter concede tanti spazi, tra un errore e l'altro, da entrambe le parti, Calaiò va vicino al gol: si tuffa sul bel suggerimento di Del Grosso, ma non ci arriva. Ci mette la mano e viene ammonito. Al 19' nessun problema per Pegolo sul tiro debole di Sneijder. Al 23' l'Arciere con un colpo di tacco si libera di Nagatomo e mette in mezzo, Handanovic si salva in tuffo. Al 25' la barriera bianconera ribatte in angolo la punizione ancora di Sneijder. Al 28' Robur ancora vicina al vantaggio: sugli sviluppi di un altro corner di D'Agostino, Ranocchia a tu per tu con Handanovic, allontana con il corpo, rischiando l'autorete. La palla vola sopra la traversa. Siena protagonista a San Siro, di una partita vivace e combattuta. Pegolo si supera in due occasioni: al 27' sul colpo di testa di Cambiasso e al 33' sulla potente conclusione di Snaijder, il più pericoloso dei suoi. La Robur arretra un po' troppo, Rosina fa gli straordinari anche l'Inter non ne approfitta: al 35' l'olandese sfrutta una disattenzione della difesa di Cosmi, parte in velocità, ma invece di concludere, cerca di servire Milito, troppo lungo il passaggio. Al 39' altra punizione per i nerazzurri: c'è ancora Sneijder sulla palla. Pegolo para corta, Neto spedisce in angolo per non correre rischi. Al 40' Ranocchia esce in barella per infortunio. Ma rientra subito. Molto bene la Robur in fase difensiva. Allo scadere un grande Pegolo salva il risultato sull'incornata di Ranocchia. Chiude in avanti l'Inter: Milito cade in area, Felipe chiede l'ammonizione, Massa manda tutti negli spogliatoi.

 

Si riprende con gli stessi uomini. L'Inter riparte con il piglio giusto e ci prova subito con Guarin, ma la sua conclusione viene rimpallata dalla retroguardia della Robur. Al 3' ancora Pegolo toglie dallo specchio della porta l'ennesimo tiro di Sneijder, viziato da una deviazione. Il Siena non riesce a uscire dalla propria metà campo. La prima vera conclusione in porta è però bianconera: bello scambio Zé Eduardo-Angelo per servire l'ex Zenit, che si accentra e carica il tiro. Alto. Sul fondo al 10' ancora Rosina. Cosmi e Stramaccioni giocano a scacchi: dopo l'entrata di Rodriguez, ecco dall'altra parte Alvarez. Al 13' proprio Alvarez riceve da Sneijder e serve Milito: l'argentino davanti a porta mette fuori di testa. Bell'azione bianconera al 14' con protagonisti Rosina e Zé Eduardo: i due manovrano bene, ma il cross del fantasista viene intercettato da Nagatomo con Zé Love ben appostato. Dall'altra parte Alvarez non inquadra. Zé è carico e Juan Jesus è costretto a fermarlo con le cattive: ammonito. Sulla palla va Del Grosso, Pereira si salva ancora in angolo. Piovono corner dall'una e dall'altra parte. Al 21' ruoli invertiti: è Neto che dice no a Pereira. Un minuto dopo Nagatomo è troppo sbilanciato per approfittare del disimpegno di Rosina. Al 27', dopo un'azione meravigliosa della squadra di Cosmi la Robur passa in vantaggio. Rosina parte palla al piede,perfetto il triangolo con Zé Eduardo e Vergassola che trova il diagonale perfetto sul quale non può arrivare Handanovic. Immenso capitano, alla seconda rete stagionale. Con Zé Love fuori per infortunio, l'Inter preme, la Robur si difende con le unghie e con i denti e con un sempre attento Pegolo. Al 38' Siena vicinissimo al raddoppio: uno strepitoso Handanovic si oppone al colpo di testa di Calaiò sulla punizione battuta da Del Grosso. Un minuto dopo alto il tiro a giro di Cassano. Al 41' Pegolo smanaccia sulla conclusione di Coutinho. Sicuro il portiere del Siena sul tentativo dalla distanza di Smeijder. Al 44' Del Grosso serve Vergassola che passa a Calaiò. L'Arciere prova a girarsi ma perde palla. Pegolo vince ancora, in due tempi, il duello personale con Sneijder. Le due squadre sono stremate. La partita si chiude al 47': il colpo di testa di Valiani, su cross di Sestu, non lascia scampo all'Inter. E' storia. (Angela Gorellini)

Fonte Fedelissimo on line