IL SONDAGGIO

Vota il miglior bianconero in Olbia-Siena

Il Pro Piacenza tornerà in campo domani pomeriggio alle 14.30 a Cuneo. Sicuri? Non del tutto.

Dopo il comunicato della Lega Pro (su richiesta della Figc) di giovedì pomeriggio è partita la macchina operativa in casa emiliana. La squadra non gioca da due mesi (16 dicembre ad Arzachena) e in città sono rimasti in pochi. Il presidente Maurizio Pannella, inibito per 4 mesi, se ne sta occupando: «Al momento abbiamo 8 giocatori in rosa (alle 22.15 di ieri, ndr), ma stiamo aspettando la risposta di altri 11 tesseramenti di giocatori svincolati. La mia inibizione non mi consentirebbe di firmare? È un tecnicismo su cui mi sto informando. Pensavo di poter avere più tempo per riprendere, così è molto difficile. Tre allenatori si sono proposti di guidarci, si fidano del nostro progetto. Se anche non dovessimo farcela porterò sempre rispetto per i presidenti Gravina e Ghirelli. Il mio errore è stato quello di perseverare nell’errore della scelta delle persone a cui delegare la guida del Pro Piacenza. La colpa è solo la mia, ma in questi mesi il progetto Seleco mi ha portato via la maggior parte del tempo». Quello che servirebbe (oltre ai soldi) per trovare i giocatori.

Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

 

Tosoni Auto
Stone Fly
 
Tosoni Auto
Elettronorge
 
Tosoni Auto
Sa Giorgio a Lapi
 

Dario D’Ambrosio, Mirko Romagnoli e Francesco Vassallo. Sono i tre “superstiti” della prima Robur targata Durio-Trani, che si presentò ai nastri di partenza nel 2016/17. Vassallo fu uno dei pochi a salvarsi nel primo anno e uno dei tanti a far divertire in quello successivo. Lui, assieme a Gerli, Bulevardi e Cristiani, compose una linea mediana tra le più forti della Serie C, quello che a detta di molti fu il vero e proprio punto di forza di una squadra che sfiorò per tre volte la Serie B. Adesso, dopo difficoltà e infortuni, il puzzle si sta pian piano ricostruendo. Gerli e Bulevardi sono rientrati, e aspettando Cristiani c’è un altro bel tassello, Arrigoni (più Sbrissa e Chiossi). “Avere tutti a disposizione è una grande cosa, i campionati li vinci quando hai una rosa ampia”, commenta Vassallo, per tutti “Ciccio”, il giorno dopo la vittoria con l’Alessandria.

 

Vassallo Stakanovista. Dopo Contini sei quello con più presenze, 21. Ne hai saltata una sola per squalifica, col Pro Piacenza.

Una cosa che mi rende felice. Vuol dire che il mister ha tanta fiducia in me e posso solo ringraziarlo. Garantisco il mio impegno, spero di continuare così. 

Stai meglio fisicamente, rispetto all’inizio dell’anno?

Sì, lo sento nelle gambe. Ma non è che prima stavo male. La gente è abituata a vedermi prendere palla, scattare e saltarne due, e quando non lo faccio, pensa che non stia bene. Ci sono partite e partite, a seconda anche dell’avversario. Giudicarmi per questo e basta credo non sia veritiero. 

Però hai ritrovato i gol, prima a Carrara e poi a Pontedera.

E speriamo di farne altri! Ci tengo a dire che la vittoria viene prima di un gol, poi è ovvio che è una gioia personale ricercata da qualunque calciatore.

Con l’Alessandria, stando alle pagelle, sei stato il migliore.

Guardo poco i giornali, preferisco concentrarmi sul campo. Poi è chiaro, un voto positivo fa piacere, ma delle volte fai un lavoro oscuro e prendi un voto più basso, anche se non lo meriti. Comunque ripeto: l’importante è che vinca la squadra.

Il calcio, come la vita, è fatto di bivi, di porte scorrevoli. Il derby con l’Arezzo lo è stato? 

Beh, rimontare tre gol in cinque minuti psicologicamente aiuta tanto, normale che noi possiamo aver guadagnato qualcosa rispetto all’Arezzo.

L’Alessandria, però, è stata sempre in partita.

Il campionato dimostra che quando ti distrai un attimo, ti può punire chiunque. Dopo il 3-1 ci siamo distratti e potevamo rivedere i fantasmi di Arezzo, al contrario. Però nel complesso la partita è stata gestita bene.

Una vittoria per Arturo Pratelli. 

Un momento emozionante. La vittoria è dedicata al piccolo Arturo, che sono certo tiferà Siena anche da lassù. Ho visto più gente allo stadio, speriamo sia così anche in futuro.

L’estate torrida è ormai passata ma continuano ad arrivare voci disturbanti, vedi Pro Piacenza.

Vivo lo spogliatoio ogni giorno e posso dire che non facciamo questi discorsi, non parliamo di queste cose. Chiaro, ci darebbe noia se venissero tolti i punti conquistati col Pro Piacenza, però siamo serenissimi e pensiamo di partita in partita.

Il Siena è stato vicinissimo alla B, Vassallo ancora di più. 

Ho ricevuto interessi di qualche squadra, ma ci fossero stati contratti sul tavolino forse non sarei qui. Io però ho sempre aspettato la situazione della Robur, che rimaneva la priorità. Sono tornato e voglio ripagare la fiducia di tante persone. Sono felice, qui sto benissimo e non penso a nient’altro. Anzi, voglio andarci col Siena in B. Ho anche un altro anno di contratto.

Questa squadra è più forte dell’anno scorso?

Potenzialmente sì. È una rosa più ampia, il mister alterna quasi tutti. Siamo forti ma possiamo dimostrare di esserlo ancor di più.

Giuseppe Ingrosso da Il Fedelissimo in distribuzione domenica

Tosoni Auto
Rete ivo
 

La Lega dispone, anche a parziale modifica del com. uff. n. 168/DIV del 01.02.2019, che le sotto indicate gare, a suo tempo non disputate, vengano recuperate nelle date e con gli orari di seguito riportati:

Mercoledi’ 27 Febbraio 2019
6a Giornata Di Andata
Pro Piacenza - Virtus Entella Ore 20.30

Martedi’ 5 Marzo 2019
9a Giornata Di Andata

Novara – Pro Piacenza Ore 20.30

Martedi’ 12 Marzo 2019
2a giornata Di Ritorno

Pro Piacenza - Alessandria Ore 20.30 

Martedi’ 19 Marzo 2019
3a Giornata Di Ritorno

Pistoiese – Pro Piacenza Ore 20.30

Martedi’ 26 Marzo 2019
4a Giornata Di Ritorno

Pro Piacenza - Olbia Ore 20.30

Martedi’ 2 Aprile 2019
5a Giornata Di Ritorno

Pro Piacenza - Gozzano Ore 20.30

Mercoledi’ 3 Aprile 2019
Girone C - 9a giornata Di Andata

Catania – Viterbese Castrense Ore 14.30

Martedi’ 9 Aprile 2019
6a Giornata Di Ritorno

Virtus Entella – Pro Piacenza Ore 20.30

Martedi’ 23 Aprile 2019
9a Giornata Di Andata

Piacenza - Virtus Entella Ore 20.30

Martedi’ 30 Aprile 2019
7a Giornata Di Ritorno

Pro Piacenza – Pisa Ore 20.30


Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Il cuore si scioglie
 

All'allenamento di questo pomeriggio non ha preso parte il bomber bianconero Ettore Gliozzi che ha fatto solo una seduta differenziata cosi come Cesarini, Cristiani e Belmonte. L'attaccante bianconero lamenta un fastidio muscolare al polpaccio destro e non sarà a disposizione per la partita di domenica contro la Juventus U23. L’attaccante bianconero lamenta un fastidio muscolare al polpaccio destro e non sarà a disposizione per la partita di domenica e probabilmente anche per la trasferta a Olbia nel recupero di mercoledì.
Domani mattina seduta di rifinitura a porte chiuse.

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Il cuore si scioglie
 

Due stagioni in bianconero, tra il 1988 e 1990, bastano per innamorarsi di Siena? Stando alla testimonianza di Piergiorgio Zanandrea pare proprio di sì. L'ex calciatore ha conquistato con la maglia dei toscani la promozione dalla Serie C2 alla C1, nell'arco di due stagioni vissute da buon mediano al servizio della squadra. Lasciati i campi da gioco l'eredità calcistica è stata raccolta dal figlio Gianmaria, uno tra i migliori prospetti della Juventus Under 23. A causa di un infortunio che lo terrà per diversi mesi lontano dai campi il difensore centrale non partirà insieme ai torinesi alla volta del prossimo incontro proprio contro i senesi. Tra sensazioni, ricordi e l'orgoglio di un padre Piergiorgio Zanandrea parla ai nostri microfoni.

 

Domenica ci sarà Robur Siena-Juventus Under 23, quasi un confronto in famiglia visto che lei ha giocato due stagioni con i toscani e suo figlio milita nei piemontesi.

 

“Ho giocato a Siena per due anni conquistando la promozione dalla Serie C2 alla C1, facendo anche un buon campionato una volta saliti di categoria. Ho solo ottimi ricordi del Siena, ma sopratutto della città e delle amicizie che ho tuttora oltre che per una serie di circostanze che mi hanno fatto vivere due anni bellissimi”.

 

Lei mediano, suo figlio invece difensore centrale: la propensione al gioco difensivo è proprio nel DNA della vostra famiglia.

 

“Mio figlio, giocando come centrale, ha altre abitudini rispetto a quelle che avevo io. Purtroppo contro la Robur Siena non sarà della partita in quanto si è operato lunedì, ha avuto un problema cartilagineo che lo terrà lontano dai campi per quattro-cinque mesi. Questo mi dispiace molto, anche perché avevo in programma di tornare a Siena per rivedere la città dove ho giocato e i miei amici, ma purtroppo questo non sarà possibile”.

 

Un brutto infortunio per suo figlio, il quale rimane uno dei prospetti migliori di questa Juventus Under 23. Che idea si è fatto di questa squadra?

 

“E' una squadra di giovani che la Juventus tiene sotto controllo per vedere se riusciranno poi ad arrivare ad alti livelli. Sono tutti ottimi giocatori. Dal vivaio è arrivato solo mio figlio, però ci sono giocatori in bianconero da due-tre anni, altri vengono dall'estero e alcuni, quelli di maggior esperienza, come i vari Del Prete, Alcibiade e Bunino fanno da chioccia a questi ragazzi. Sono una squadra ben integrata, anche se all'inizio ha avuto un po' di difficoltà adesso stanno giocando alla grande”.

 

A 19 anni il futuro è tutto dalla sua parte. Si vocifera addirittura di un interesse dalla Serie B, ciò può essere un'arma a doppio taglio. La sua presenza, prima ancora da padre che da ex giocatore, immaginiamo sia fondamentale.

 

“Mio figlio è nelle giovanili della Juventus dai quattordici anni, è attualmente l'unico giocare del vivaio nella rosa dell'under 23. Ha fatto tutta la trafila delle nazionali giovanili, dall'under 15 alla under 20, ma quello che rammarica è che perderà i mondiali under 20 di quest'anno. Da padre sono un po' egoista nel parlarne, ma ha ottime qualità. Lo volevano già tre-quattro squadre di Serie B oltre che una estera, di sicuro è un prospetto interessante. Per arrivare a grandi livelli ci vogliono però qualità, testa, costanza e fortuna".

 

In vista di domenica, visti i buoni ricordi con la maglia senese, per lei non sarà semplice scegliere per chi tifare.

 

“Chiaramente è da anni che mio figlio fa parte della Juventus e, anche se non sono juventino, è la squadra a cui tengo maggiormente. Per quanto riguarda il Siena ci ho fatto due anni magnifici, conosciuto persone fantastiche e anche con gli stessi Fedelissimi ho contatti con qualcuno. Sono orgoglioso di aver giocato due anni lì, Siena resterà sempre nel mio cuore. Risultato? Un pareggio, poi se vincesse una delle due mi farebbe soltanto piacere”.

 

La vittoria aiuterebbe la Robur Siena a scalare una classifica attualmente indecifrabile.

 

“Non ho visto la gara di andata, credo che mio figlio fosse stato convocato in nazionale. Vedendo i nomi, l'allenatore e leggendo le cronache dei vari giornali è una squadra che dovrebbe arrivare tranquillamente nei playoff per quello che vale come società e per i suoi trascorsi”.

(Giacomo Principato)

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Rete ivo
 

Domenica 17 febbraio alle ore 12 il Siena Club Fedelissimi organizza un pranzo in sede prima di Siena-Juventus U23.

Per prenotarsi inviare un sms o watshapp al numero 3664053060 oppure una mail fedelissimi@sienaclubfedelissimi.it

Siena Club Fedelissimi

 
Tosoni Auto
ESTRA
 

La Berretti affronterà sabato in casa la Carrarese per la 19a giornata mente gli Under 15 e Under 17 domenica saranno in trasferta a Lucca. Fuori casa anche i Giovanissimi Professionisti che domenica giocheranno a Pistoia.

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Il Mangione
 

In occasione della partita Siena-Juventus U23, in programma domenica 17 febbraio alle ore 14.30, la fondazione Il Cuore si Scioglie farà una raccolta fondi per il crowdfunding a favore della Cooperativa Riuscita Sociale il cui progetto è già nella piattaforma di Eppela. Anche in questa occasione il Siena Club Fedelissimo appoggia l'iniziativa.
Per tutte le informazioni e per le donazioni online collegarsi al link:
https://www.eppela.com/it/projects/22068-di-terra-e-di-colori

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Stone Fly
 

Sembra ieri ma sono passati già otto anno da quando Lorenzo Guasparri ci ha lasciato. Questa sera i suoi amici hanno organizzato una serata per ricordarlo in allegria così come lui avrebbe voluto. L'appuntamento per tutti è alle ore 20 al circolo La Tuberosa prima una cena e poi la musica dal vivo dei Superpila.

Fonte: FOL

 

 

Tosoni Auto
Il Mangione
 

Domenica 17 febbraio in occasione di Siena-Juventus U23 torna Il Fedelissimo in distribuzione gratuita a tutti gli ingressi dello stadio. Nel numero 743, oltre all'editoriale del direttore Nicola Natili, un interessante articolo di Jacopo fanetti e un'intervista esclusiva di Giuseppe Ingrosso al centrocampista Francesco Vassallo.

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Panificio san Prospero
 
Tosoni Auto
Frittelle Savelli
 
Tosoni Auto
Panificio san Prospero
 

La FIGC ha chiesto alla Lega Pro il ripristino del regolare svolgimento del campionato. I match dei rossoneri sono stati quindi calendarizzati a partire da domenica.
8 A Giornata Ritorno – 17 Febbraio 2019
Cuneo-Pro Piacenza Domenica Ore 14.30

9a Giornata Ritorno – 24 Febbraio 2019
Pro Piacenza-Novara Domenica Ore 14.30

10a Giornata Ritorno - 2 Marzo 2019
Lucchese Pro Piacenza Sabato Ore 18.30

11a Giornata Ritorno – 9 Marzo 2019
Pro Piacenza-Piacenza Sabato Ore 20.30

12a Giornata Ritorno – 16 Marzo 2019
Pro Patria-Pro Piacenza Sabato Ore 16.30

13a Giornata Ritorno – 23 Marzo 2019
Pro Piacenza-Albissola Sabato Ore 16.30

14a Giornata Ritorno – 30 Marzo 2019
Carrarese-Pro Piacenza Sabato Ore 14.30


La nota della Lega Pro.
Preso atto della comunicazione pervenuta in data odierna dalla FIGC attraverso la quale il Presidente Federale “al fine di evitare gravi pregiudizi alle altre società e quindi all’intero campionato” per la mancata disputa delle gare, chiede alla nostra Lega di disporre la regolare indizione delle prossime gare della società Pro Piacenza, sospese con C.U. FIGC n. 34/A del 23 gennaio 2019, nelle more delle verifiche relative al procedimento di revoca ex art. 16 NOIF, sentito il Consiglio Direttivo, la Lega Pro dispone, il ripristino del regolare svolgimento di tutte le gare della società PRO PIACENZA. Si riporta pertanto il programma gare dall’8a alla 14 a giornata di ritorno per la società in oggetto, nelle date e con i relativi orari. Con successivo comunicato sarà resa nota la programmazione delle date dei recuperi della società Pro Piacenza.

Fonte: FOL


 

Tosoni Auto
Frittelle Savelli
 

Il giudice sportivo in merito alle gare del girone A relative alla 26a giornata giocata mercoledì 13 febbraio ha squalificato per due giornate il giocatore Gulli (Albissola), e per una giornata Zogkos (Alessandria), Mauri (Lucchese), Pinna (Olbia), Vettori (Pontedera).

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Frittelle Savelli
 

La partita Siena-Juventus U23, in programma domenica 17 febbraio alle ore 14.30, sarà diretta da Ilario Guida della sezione di salerno. Gli assistenti saranno Giuseppe Pellino di Frattamaggiore e Francesco D'Apice di Castellamare di Stabia. Sono tre i precedenti della Robur con l'arbitro Guida.
2014-2015 serie D
Siena-Virtus Flaminia 2-0
Massese-Siena 0-2
2016-22017 serie C
Alessandria-Siena 5-2

Fonte: FOL


 

 

Tosoni Auto
Tosoni Auto
 

Lega Pro ha comunicato oggi che la partita Pistoiese-Siena valida per la 28a giornata, si giocherà lunedì 25 febbraio alle ore 20:45, in diretta televisiva su Rai Sport.

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Tosoni Auto
 

E alla fine la Robur Siena esce con un punto dal 'Fratelli Paschiero'. Punteggio sulla carta, e solo su di essa, riduttivo vista la disparità di forze, ma che lascia in dote ai bianconeri la consapevolezza di essere cambiati. Nella prima parte di un campionato iniziato in ritardo e senza alcuna certezza, era logico che per carburare ci sarebbe voluto un po'. Prestazioni non all'altezza, qualche errore di troppo, scarsa intesa e quel comune pensiero che, visto il potenziale inespresso, sarebbe bastata una scossa per cambiare le cose. Ecco, la gara contro l'Arzachena è servito proprio a questo.

 

Su un terreno di gioco accidentato il bel gioco dei toscani si è arenato al cospetto di una formazione, quella sarda, che lascia la tecnica all'avversario ma tiene dalla propria parte muscoli e duelli. Una sconfitta dolorosa, ma che ha dato il via a un filotto di undici risultati utili consecutivi. Tra rimonte e vittorie di gruppo la squadra di Michele Mignani si è saputa rivalutare, finendo per dar prova del proprio carattere in quel di Arezzo con quella rimonta passata agli annali. Eppure gli effetti del post Arzachena si sono intravisti anche in altre occasioni, come ad esempio ieri.

 

Nei lati positivi del pareggio in terra piemontese c'è la consapevolezza che i bianconeri siano riusciti a gestire e annulare lo svantaggio, dimostrando ancora una volta il cambiamento di questa squadra. La fragilità psicologica di inizio anno ha lasciato spazio alla fame e alla grinta di una compagine che, al netto di qualche superficialità, sta mettendo in luce la propria forza. Da un punto di vista tecnico-tattico alcuni elementi restano ancora in fase di rodaggio, mentre meccanismi ben oliati, come il reparto offensivo, aumentano i giri di partita in partita.

 

A Cuneo non era facile: lo dicono i precedenti, l'avversario e il fattore terreno di gioco.La cosa fondamentale, e in questo i meriti vanno condivisi tra lo staff tecnico e la rosa, è però il carattere. Un gruppo fragile avrebbe probabilmente capitombolato sotto i colpi cuneensi, ma non questa Robur Siena che si mostra dura a mollare. Il filotto di risultati utili consecutivi prosegue.

(Giacomo Principato)

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Panificio san Prospero
 

Prima della partita Siena-Juventus U23, in programma domenica 17 febbraio alle ore 14.30, i tifosi autorizzati potranno accedere allo stadio per attaccare gli striscioni dalle ore 11 alle 12. La società bianconera comunica che i cancelli dello stadio apriranno alle ore 13 e sempre dalla stessa ora saranno aperte le biglietterie del Sottopassaggio a La Lizza e quella adiacente la statua di Santa Caterina.

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Sartini Siena
 

E' attiva la prevendita dei biglietti per la partita Siena-Juventus U23 in programma domenica 17 febbraio allle ore 14.30
Questi i prezzi

Curva Lorenzo Guasparri:
12 € Intero 
8 € Ridotto over 65/donne
5Ridotto under 18/under 12

Gradinata Paolo De Luca:
17€ Intero 
13€ Ridotto over 65/donne 
8 Ridotto under 18/under 14 
8€ Studenti universitari 

Tribuna Danilo Nannini Laterale:
24€ Intero 
19€ Ridotto over 65/under 18/donne 
12€ Ridotto under 12

Tribuna Danilo Nannini Centrale:
31€ Intero 
23€ Ridotto over 65/under 18/donne 
14€ Ridotto under 12 

Tribuna Danino Nannini d’Onore:
50€ Intero
35€ Ridotto over 65/under 18/donne 
23€ Ridotto under 12

Tribuna Danilo Nannini Excutive:
90 Biglietto unico

Settore ospiti:
12€ Biglietto unico

Online
www.ciaotickets.com/evento/robur-siena-juventus-u23
Per questo evento è abilitato il PRINT@HOME: stamperai il biglietto PDF già fiscalizzato con la tua stampante di casa/ufficio (è sufficiente una stampa in bianco e nero), e non sarà necessaria alcuna spedizione con corriere espresso, nè ritiro presso la cassa dell'evento ----- Presenterai direttamente all'ingresso il biglietto stampato su foglio A4, esibendo all'operatore il codice a barre in maniera ben visibile perchè possa essere smarcato con il lettore ottico.

I punti vendita Ciaotickets a Siena:
- Tabaccheria Chiasso Largo, via Rinaldini 7 - 0577282162
- Siena Club Fedelissimi , via Mencattelli 11 0577236677 (domenica dalle ore 10.30 alle 13.30)
- Mcm, Via Marzi 6 - 057745483
- Tabaccheria Narghilè, via Aretina 6 - 0577285307
- Tabaccheria Scacciapensieri, via Orlandi 65 - 0577334040
- Tabaccheria Cartoleria Carnasciali, via Duccio di Boninsegna 29 - 0577 42068
- Tabaccheria La Radica, via Simone Martini 24 – 0577286156
- Non Solo Edicola, via Dario Neri 2 - 0577349543

Il giorno partita dalle ore 13 saranno aperti i botteghini presso il sottopassaggio La Lizza (ingresso davanti all'NH Hotel e quella adiacente la statua di Santa Caterina.

Fonte: Fol

 

Tosoni Auto
Panificio san Prospero
 

Pareggio a Cuneo che lascia l’amaro in bocca per la grande occasione persa, contro una formazione ben disposta alla battaglia ma di scarso spessore tecnico.

Purtroppo si continua a fare errori marchiani in difesa, oggi nel primo e unico affondo del Cuneo siamo riusciti a spingere la palla nella nostra porta nonostante ci fosse un solo attaccante in area tra ben tre difensori.

La Robur ha tenuto degnamente il campo ed ha fatto la partita ma c’era un terreno infame che non consentiva la gestione della palla ed i tentativi di avvicinamento alla porta avversaria risultavano dannatamente difficili, inoltre la disposizione dei padroni di casa era evidentemente orientata a barricarsi e tentare di pungere con lunghi rilanci, situazione conosciuta che ci mette spesso in difficoltà.

Mignani ha variato la difesa schierando Pedrelli e Imperiale ai fianchi di Rossi e Varga, nel mezzo Gerli, Vassallo e Sbrissa per assistere Guberti in regia avanzata e terminali offensivi Aramu e Cianci.

La Robur ha avuto il predominio del campo per venticinque minuti elaborando la manovra in tutte le zone con Guberti a spaziare a piacimento ma il controllo della palla era problematico ed i bianconeri hanno provato dalla distanza, prima Guberti e poi Vassallo, ad impensierire il portiere locale.

Aramu si è dato un gran da fare ed ha costretto i difensori a ricorrere alle maniere rudi per fermarlo, Cianci ha lottato ma non è risultato efficace nelle sue iniziative che si sono concluse sempre in un corpo a corpo con mezza difesa cuneese.

Dall’altra parte non si è avvertiva il peso degli attaccanti, i nostri difensori hanno controllato senza rischio alcuno gli sporadici avanzamenti dei locali che hanno in pratica giocato con un uomo in meno per la scarsissima prestazione dell’ex Emmausso.

Poi il patatrac: un lungo lancio da destra a sinistra ha consentito al laterale sinistro del Cuneo di superare in corsa Pedrelli, di galoppare fino alla linea di fondo senza nessuno dei nostri in grado di recuperare terreno e sparare in mezzo all’area un passaggio che Rossi ha deviato in rete.

La botta è stata grossa ed i nostri sono arrivati all’intervallo senza giocare più in maniera convinta.

Al rientro in campo ci aspettavamo di vedere la reazione della Robur invece abbiamo rischiato di prendere un altro gol ma l’atteggiamento era quello giusto perché i bianconeri hanno spinto in avanti raggiungendo in poco tempo il pareggio: grande tiro di Aramu su punizione da 25 metri e palla che si insacca a fil di palo.

Con il risultato raddrizzato abbiamo visto il Siena cercare di vincere attraverso il consueto gioco ma anche gli avversari non sono stati a guardare costringendoci a spendere molte energie nei contrasti in mezzo al campo e sulle fasce laterali.

Aramu ha nuovamente impegnato da fuori area il portiere locale in una respinta corta proprio sui piedi di Vassallo il quale ha ribattuto da pochi metri verso la porta ma ha incontrato ancora il portiere vanificando un’occasione d’oro che poi si è rivelata unica perché piano piano sono calate le forze e la Robur non è riuscita a rendersi nuovamente pericolosa.

Neppure i cambi disposti da Mignani hanno consentito di cambiare il risultato nonostante  tutti abbiano giocato in modo accettabile: Arrigoni, Bulevardi, Fabbro e D’ambrosio hanno sostituito Guberti, Aramu, Vassallo e Sbrissa assestando la formazione in base ad esigenze tattiche.

Scazzola infatti aveva nel frattempo potenziato l’attacco per cercare la vittoria ed occorreva adeguarsi modificando qualcosa ma sono parse soprattutto delle mosse per mantenere il risultato: un difensore in più e centrocampo a tre effettivi.

La partita è finita in parità ma ci sono state situazioni critiche, sempre in difesa, che potevano compromettere il risultato; ancora non siamo a posto ed è un peccato perché gli altri reparti offrono prestazioni buone, bisogna quindi che la squadra trovi quanto prima una stabilità difensiva che gli consenta di mettere a frutto quanto costruito con fatica.

Buono l’approccio alla partita e buona la prestazione nel complesso, abbiamo visto Guberti a tutto campo, assistito bene dai centrocampisti, a dimostrazione di quanto stia bene, molti i palloni lavorati e tanti gli spazi liberati agli altri per l’attrazione che esercita sugli avversari.

Oggi Gliozzi ha riposato e la sua assenza si è sentita, d’altra parte gli impegni così ravvicinati impongono un ampio utilizzo della rosa anche per consentire a tutti di mantenere un buon livello di condizione, abbiamo visto crescere diversi giocatori nella condizione fisica e quindi nel rendimento, altri ancora debbono fare l’ingresso definitivo nella squadra, tutto questo rende la Robur ancora un cantiere in opera ma con buone prospettive nonostante il veloce scorrere del tempo.

Fonte: FOL - foto La Nazione

Tosoni Auto
Sartini Siena
 

Passo falso nel big match della capolista Pro Vercelli che cade in trasferta contro l’Entella, ne approfitta il Piacenza che si impone sul campo della Carrarese e aggancia i piemontesi al primo posto. Impattano Arezzo e Siena, ancora una vittoria per la sorprendente Pro Patria che supera di misura il Novara, mentre per la salvezza colpo dell’Arzachena sulla Lucchese. Il Pontedera non va oltre il pareggio in casa del Gozzano, così come l’Albissola a Pistoia. A reti inviolate la sfida tra Alessandria e Olbia, rinviata Pro Piacenza-Pisa. Una rete di Caturano in extremis consegna un prezioso successo all’Entella a scapito della Pro Vercelli, nell’altra gara di cartello blitz del Piacenza a Carrara: marcature nel finale di partita di Pergreffi e Ferrari. Domenica si torna subito in campo per la ventisettesima giornata, dove spicca Piacenza-Pro Patria. La Robur Siena, imbattuta da undici turni, riceve tra le mura amiche la Juventus U23,  per la Pro Vercelli esame Pontedera. Per il Pisa insidia Gozzano, Entella di scena a Lucca, mentre per la salvezza fari puntati su Alessandria-Arzachena.  (Damiano Naldi)

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Elettronorge
 

Dopo la trasferta di ieri a Cuneo, i bianconeri torneranno ad allenarsi oggi pomeriggio all’Acquacalda, con una seduta in programma alle ore 15. La preparazione poi prevede un allenamento domani pomeriggio e la rifinitura sabato mattina: entrambe le sedute saranno a porte chiuse.

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Il cuore si scioglie
 

La Berretti ha recuperato ieri la partita in casa del Torino sospesa due settimane fa a causa della neve. I bianconeri escono sconfitti con il punteggio di 2-0 anche se su 1-0 per i granata per la Robur ha fallito un calcio di rigore Perri.

Torino: Trombini, Spaneschi (26’st Olivero), Ricossa, Lavrenzi (26’st Bongiovanni), Leggero, Siniega, Montenegro (18’st Del Bianco), Cuoco, Ibrahimi (18’st Caretto), Moreo (43’st Marchisone), Rotella. All. Capriolo. A disp. Lewis, Ottone, Sandri, Fiorio, Kone, Favaro, Tassone
Siena: Petrucci, Biagini (1’st Mbengue), Doda (41’st Arrigucci), Chiti, Serzanti, Fineschi, Gafà (26’st Battistini), Dami (7’st Corsi), Guazzini, Cavallini, Perri (26’st Costaglione). All. Signorini. A disp. Marcocci, Gambassi.
Arbitro: Santiano di Pineroli. Rizzo di Pineroli e Triofante di Torino)
Marcatori: 24’ Ricossa, 55 Moreo

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Stone Fly
 

Il Matera non si è presentato neanche ieri per il turno infrassettimanale con la Cavese. Si tratta della quarta rinuncia stagionale per la squadra biancazzurra, che comporterà, oltre alla sconfitta a tavolino per 3-0, l’esclusione automatica dal campionato. Come prevedibile, ieri in uno stadio deserto c’erano solo i giocatori campani e la terna arbitrale. E così, trascorsi i canonici quarantacinque minuti di attesa, si è di fatto conclusa l’avventura del Matera in Serie C.

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Panificio san Prospero
 

Il centrocampista bianconero Stefano Guberti ancora nella top 11 del girone A redatta da tuttoc.com con quesdto commento: “Il tempo di ambientarsi su un terreno di gioco non eccelso come quello del "Fratelli Paschiero", casa del Cuneo, ed ecco che Guberti torna a fare il Guberti. La differenza, per capirsi. Finché sta in campo è imprendibile per chiunque, ha numeri e intelligenza tattica, e si carica sulle spalle la squadra per darle la scossa decisiva”. 

Fonte: FOL


 

 

Tosoni Auto
Stone Fly
 

17 reti
Tavano (3, Carrarese)

12 reti
Caccavallo (2, Carrarese)

11 reti
Gliozzi (4, Siena)

10 reti
Martignago (4, Albissola), Cacia (4, Novara), 

9 reti
Mota Carvalho (Virtus Entella), Gucci e Le Noci (1, Pro Patria), Pesenti (3, Pisa e 6 Piacenza), Morra (Pro Vercelli).

8 reti
Brunori e Rolando (1 Arezzo e 7, Gozzano), 

7 reti
Cutolo (1, Arezzo), Piscopo (Carrarese), Eusepi (Novara), Ceter, Ogunseye e Ragatzu (4, Olbia).

6 reti
Cais (Albissola), De Luca (2, Alessandria) Buglio (Arezzo), Bunino (1, Juventus U23), Botolussi e De Feo (Lucchese), Marconi (1, Pisa), Luperini (2, Pistoiese), Nole' (3, Pro Piacenza ora Virtus Verona).

5 reti
Santini (1, Alessandria), Sanna (1, Arzachena), Pereira (Juventus U23), Messias (Gozzano), Sorrentino (1, Lucchese), Romero (2, Piacenza ora Sud Tirol), Moscardelli (2, Pisa), Pinzauti, Tomassini e Mannini (3, Pontedera) Cianci (Siena)

4 reti
Maccarone (Carrarese), Caturano, Eramo Mancosu e Nizzetto (Virtus Entella), Palazzolo (Gozzano), Lombardo (2, Lucchese), Ferrari (2) e Nicco (Piacenza), Masucci (Pisa), Fanucchi e Rovini (Pistoiese), Mastroianni (Pro Patria), Scardina (Pro Piacenza ora al Fano), Aramu e Guberti (2, Siena)

3 reti
Coralli (Alessandria; 3 Carrarese), Persano (Arezzo), Gatto (2, Arzachena), Bobb, Gissi e Kanis (1, Cuneo), Diaw (ora al Cittadella), Provenzano (Lucchese), Bianchi e Schiavi (Novara), Corradi Piacenza), De Vitis (2), Di Quinzio, (1, Pisa), Caponi (Pontedera), Gerbi (Pro Vercelli)

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Sa Giorgio a Lapi
 
Tosoni Auto
Sa Giorgio a Lapi
 
Tosoni Auto
Elettronorge
 
Classifica Serie C girone A 2018/19  
  P G V N P GF GS
Piacenza  46 25 13 7 5 37 23
Pro Vercelli  46 23 13 7 3 29 15
Arezzo 43 26 10 13 3 32 22
Carrarese 43 26 13 4 9 52 36
Entella  42 19 13 3 3 33 15
Siena 41 24 10 11 3 38 27
Pro Patria 40 26 11 7 8 30 28
Pisa 36 24 9 9 6 28 25
Pontedera 36 26 8 12 6 28 27
Novara 34 25 7 13 5 30 21
Juventus B 29 26 8 5 13 28 31
Gozzano  27 25 5 12 8 27 29
Cuneo (-7) 26 24 8 9 7 18 24
Alessandria 23 24 3 14 7 19 29
Albissola 22 26 5 7 14 24 38
Olbia 21 24 4 9 11 24 36
Pistoiese  21 23 5 6 12 24 31
Lucchese (-8) 20 24 5 13 6 33 31
Arzachena (-1) 17 26 6 0 20 16 44

 

Tosoni Auto
Panificio san Prospero
 

Carrarese-Piacenza 0-2(80’ Pergreffi, 90’ Ferrari)

Cuneo-Siena 1-1 ( 26’ Rossi aut, 56’ Aramu)

Gozzano-Pontedera 1-1( 17’ Messias J., 64’ Caponi)

Entella-Pro Vercelli 2-1 (9’ Mancosu, 32 Morra rig, 90’ Caturano)

Alessandria-Olbia 0-0

Arezzo-Juventus B 1-1 (4’ Brunori, 14’ Mavividi)

Arzachena-Lucchese 1-0 (83’ Sanna)

Pistoiese-Albissola 1-1 (27’ Momentè, 53’ A.Cisco)

Pro Patria-Novara 1-0 (6’ Le Noci)

 

Pro Piacenza-Pisa rinviata

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Il cuore si scioglie
 

CONTINI 6,5

Sulla carambola del goal può fare poco. Del resto esce e domina l’area da par suo

PEDRELLI 6

Spinge, anche troppo, facendo però buchi importanti. In difesa non sembra un fulmine. Partita interlocutoria. Ci aspettiamo qualcosa di più

IMPERIALE 5,5

Partita modesta. Si propone ma non fa mai la cosa giusta. Il cross non sembra il suo pezzo forte e dietro annaspa come spesso accade con una tecnica mediocre.

ROSSI 6

Ormai il centrale fisso non va per il sottile. Si difende con esperienza ma rinuncia quasi sempre ad appoggiare la manovra da dietro. Diciamo uno stopper “old style”.

VARGA 6

Sembra, per il momento, un po’ spaesato. Qualche rinvio sommario e, nell’occasione del goal, non chiude sull’accorrente piemontese rimanendo incollato al centro. La sfortuna poi fa il resto. Sufficienza di incoraggiamento essendo la prima assoluta.

GERLI 6,5

Molto bene per quasi tutta la partita nonostante un campo “infame” che lo penalizza. Chiude sempre, ha buona posizione e si rivede il giocatore che conosciamo. Finisce un po’ stremato.

VASSALLO 6

Quel tap-in grida ancora vendetta! Sbaglia una facilissima occasione sparacchiando sul portiere a terra. Peccato. Del resto corsa, qualche buona iniziativa.

SBRISSA 5,5

Molle. Spesso incerto. Si dimentica dell’avversario battezzando (forse) fuori la palla sull’allungo dell’attaccante che ci crede e tutto solo, entra in area e può crossare forte. Da lì il nasce il goal con la complicità dei centrali ma inaccettabile la sufficienza con la quale demorde e senza ricorrere l’avversario lanciato. Da rivedere.

GUBERTI 7

Parte piano e sembra non capire che il fondo di questo campo non gli permette svolazzi. Alla ripresa però un altro Stefano. Con il piglio giusto. Da leader. Si carica la squadra sulle spalle e decide di essere uomo ovunque. Esce stanchissimo ma imprescindibile in questo momento.

ARAMU 6,5

Anche lui fatica a controllare il pallone ma con il sinistro magico decide la partita con una bordata delle sue. E non c’è, stavolta, palo che tenga. Io, uno così anche se gioca male non lo toglierei mai. Ha sempre un colpo in canna!.

CIANCI 5,5

Troppa responsabilità per il gioco del Siena. Non è possibile chiedergli dall’inizio di giocare di fino come fa la Robur. Non è nelle sue corde. Però stasera ha fatto fatica anche in fase di spazi. Praticamente non s’è visto mai.

ARRIGONI sv

D’AMBROSIO sv

Non mi sembra al top……. 

BULEVARDI sv

FABBRO sv

Entrano tutti a partita decisa. C’era, mi sembra, la voglia di portare a casa il punto. E forse è giusto così.

COSA VA

Non so se, in questo campo impossibile, si possa parlare di una partita di calcio. Una via di mezzo fra rugby e calcio…mettiamola così. L’aspetto positivo è che se non c’è la coralità ci sono i solisti che risolvono le cose. 

COSA NON VA

Prescindendo dal fattore campo ormai appare cronica la poca affidabilità difensiva. Cambiano interpreti, schieramenti, avversari persino moduli ma il golletto ci scappa sempre. Un rebus! Purtroppo, se diamo uno sguardo alla classifica generale la Pro-Vercelli, prima assoluta considerando i recuperi, ha l’8° attacco…persino la Lucchese (33 goal) meglio; ma la prima difesa. Solo 13 goal subiti. Noi il secondo attacco ma la settima difesa. Ergo: i goal vanno fatti sì…… ma soprattutto non vanno presi!

Fonte: FOL - foto da La Nazione

Tosoni Auto
Sartini Siena
 

A fine partita ha parlato il mister Michele Mignani. Queste le sue dichiarazioni:

La gara - “Nel complesso è una buona prestazione. Temevamo che il campo ci impedisse di giocare, abbiamo fatto quindici minuti non come siamo abituai a fare. Poi, piano piano, abbiamo mosso la palla con discreta qualità e quando il Cuneo si è abbassato, in ripartenza ci ha fatto gol”.

Rimonta – “La squadra sull’1-0 non si è disunita, ha pareggiato meritatamente, e poi ha provato a vincere esponendosi a un paio di contropiedi e creando una grande occasione con Vassallo. La partita la stavamo facendo noi”.

Meglio nella ripresa – “È una caratteristica nostra, nel secondo tempo facciamo meglio che nel primo”.

Cuneo – “E’ una squadra solida, organizzata, gioca un calcio propositivo, anche se oggi secondo me per buona parte della gara ha optato per difendersi”.

Esperienza - “Nel nostro percorso passano anche partite come questa”. (G.I.)

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Tosoni Auto
 

Vlad Marin, difensore del Cuneo, ha parlato in conferenza stampa. Queste le sue dichiarazioni:

Il match - “È stata una partita dura. Loro hanno giocatori di categoria superiore, Guberti e Aramu ci hanno messi in difficoltà, ma abbiamo avuto uno spirito battagliero come successo con altre squadre blasonate. Dopo un buon primo tempo siamo rientrati volendo fare il secondo gol. È stato bravo Aramu a trovare l’1-1, poi il Siena è venuto fuori grazie ad una capacità di palleggio superiore”.

Manto – “Il campo non agevola né noi né le avversarie”.

Problemi societari - “A me non va di parlare di questioni extracampo. Sono bravi il direttore e il mister ad isolarci. Lavoriamo serenamente e credo lo stiamo dimostrando”. (G.I.)

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Stone Fly
 

“Sono soddisfatto della prestazione, meno del risultato, perché avremmo meritato di vincere”. Esordisce così, in sala stampa, il mister del Cuneo Cristiano Scazzola. “Dopo il vantaggio potevamo raddoppiare in più occasioni, tre volte con Kanis e una prodezza di Gissi – spiega l’ex tecnico della Robur – e ci manca un rigore nel finale per fallo di mano che l’arbitro deve fischiare. L’arbitro non mi è piaciuto, ha fischiato troppi falli, ci ha penalizzato”. Una battuta anche sulla Robur, “una grande squadra che lotterà per il primo posto e che ha segnato tanto contro chiunque. Non è facile da affrontare ma le abbiamo concesso solo un’occasione, nel secondo tempo (il tiro di Vassallo, ndr). Per il resto siamo stati bravi, abbiamo fatto una grande partita”. (G.I.)

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Frittelle Savelli
 
Tosoni Auto
Immobiliare Brogi
 

Cuneo (3-5-2): Cardelli; Castellana, Cristini, Marin; Pecorini, Bobb, Suljic, Kanis (71' Defendi), Celia; Emmausso (46' Said), Gissi (75' Caso). A disposizione: Gozzi, Santacroce, Tafa, Bertoldi, Jallow, Alvaro, Ferrieri, Spizzichino, Reymond. Allenatore: Cristiano Scazzola.

Robur Siena (4-3-1-2): Contini; Pedrelli, Varga, Rossi, Imperiale; Sbrissa (67' Bulevardi), Gerli, Vassallo (86' D’Ambrosio); Guberti (75' Arrigoni); Aramu (67' Fabbro), Cianci. A dispozione: Melgrati, Comparini, Zanon, Di Livio, Romagnoli, Esposito, Gliozzi, Chiossi. Allenatore: Michele Mignani.

Arbitro: Pashuku di Albano Laziale (assistenti: Carrelli e Giorgi).

Marcatore: 26' aut. Rossi, 55' Aramu.

Ammoniti: Kanis, Vassallo, Varga.

Recupero: 1', 4'.

L'undicesimo risultato utile consecutivo è anche l'undicesimo pareggio del campionato. A Cuneo, campo maledetto e inguardabile, il Siena rimedia un punticino tutto sommato prezioso, visto come si era messa la partita. Una gara di controllo, con le occasioni di Guberti e soprattutto Vassallo, sbloccata da un'autorete di Rossi che manda in porta un cross del terzino sinistro di casa, Celia. La Robur si ritrova sotto all'intervallo senza aver subito un tiro in porta, ma a inizio secondo tempo il Cuneo crea quattro palle gol in cinque minuti. Nel momento peggiore ci pensa Aramu a pareggiare, con una bella punizione calciata sul palo del portiere. Vassallo ha anche l'occasione del 2-1, poi il mister sceglie un atteggiamento prudente (fuori Aramu, nel finale entra D'Ambrosio, Gliozzi resta per tutto il tempo in panchina) e arriva un pari che può tornare utile.

94' fine partita

90' quattro di recupero

86' dentro D'Ambrosio, fuori Vassallo

84' Fabbro in pressione su Pecorini che strappa fallo in difesa

81' allontanato dalla panchina un dirigente del Cuneo. E' il ds Sergio Borgo

75' fuori Gissi, dentro Caso. Nel Siena esce Guberti ed entra Arrigoni

74' Fabbro in piena area vince un rimpallo e poi va giù pressato da Marin, l'arbitro lascia correre tra le proteste dell'ex Bassano

72' Varga perde palla e ferma Gissi, giallo per lui

71' dentro Defendi, fuori Kanis

67' fuori Aramu e Sbrissa, dentro Fabbro e Bulevardi

65' Siena ad un passo dal vantaggio! Aramu arma il sinistro da fuori, Cardelli respinge su Vassallo che ci prova in tap-in, grande parata d'istinto del portiere ex Pisa, che salva il risultato

62' punizione di Aramu dalla trequarti direttamente in area di rigore, torre di Varga per Rossi che commette fallo in attacco

58' scontro tra Gissi e Varga costretti ad uscire. I due rientrano poi senza problemi

55' Aramuuuuu, su punizione trova il pareggio!!! Il n. 10 sceglie il palo del portiere Cardelli, che rimane sorpreso dal sinistro secco e non può arrivarci! Secondo gol consecutivo per Aramu, quarto in campionato

54' fallo di Bobb su Aramu, punizione Siena dai 30 metri

52' altra occasione Cuneo: Pedrelli perde palla in attacco e non riesce a rientrare, Kanis sempre da sinistra cerca il diagonale che termina poco fuori

51' Gissi da destra, tocco per Kanis che anticipa tutti e manda la palla sull'esterno della rete. Siena in difficoltà in questo inizio di ripresa

50' Kanis ha spazio da sinistra e spara alto, altra buona chance per il Cuneo

47' occasione Cuneo! Spettacolare rovesciata di Gissi dal limite, Contini immobile vede il pallone sfilare di poco a lato

Riprende la partita. Cambio per il Cuneo, esce Emmausso ed entra Said, col Cuneo che pensa ancor più a difendersi

Tanta, tanta sfortuna e il Siena è sotto all'intervallo senza subire tiri in porta. I bianconeri, in un campo inguardabile, cominciano bene e vanno due volte al tiro dalla distanza (Guberti e Vassallo, attento Cardelli), poi all'improvviso il Cuneo passa grazie ad un'iniziativa di Celia sulla sinistra, che propizia l'autogol di Rossi. Male Sbrissa, Aramu deve fare di più, Guberti è sempre nel vivo delle azioni ma sbaglia troppo. 

46' con venti secondi d'anticipo l'arbitro fischia la fine del primo tempo

45' un minuto di recupero

45' Guberti la tocca per Aramu che cerca il palo del portiere, la palla non gira abbastanza ed esce

44' gamba tesa di Cristini su Cianci dal limite dell'area, punizione di seconda per il Siena

38' duro scontro tra Aramu e Suljic, si rialzano entrambi

37' Cardelli rinvia male sui piedi di Vassallo, palla a Guberti che cerca in area Aramu; tiro rimpallato, sulla ribattuta Aramu va giù ma l'arbitro lo invita a rialzarsi

35' primo giallo della gara, se lo prende Kanis per un intervento da dietro su Pedrelli

34' punizione di Aramu dalla trequarti, palla a Pedrelli che calcia dal limite, Cianci devia ma è in fuorigioco

30' Guberti perde palla in attacco, contropiede Cuneo con Kanis stoppato da Rossi

28' duro intervento di Varga su Emmausso a centrocampo. L'ex Siena si rialza senza problemi

26' Cuneo in vantaggio, Cristini sventaglia per Celia che con uno stop a seguire supera Sbrissa, entra in area da sinistra e crossa forte in mezzo; la palla carambola su Rossi che con la schiena realizza uno sfortunato autogol

23' Suljic falloso su Sbrissa, dalla punizione va Aramu che sceglie il palo del portiere ma non trova lo specchio

20' buona iniziativa di Gerli che allarga per Imperiale, cross sballato direttamente sul fondo

19' Vassallo! Dagli sviluppi di una punizione il giocatore bianconero lascia partite un bel destro da fuori, palla a mezza altezza salvato in angolo da Cardelli! Sal corner va Aramu, Cianci spinge Cristini e l'arbitro segnala il fallo

16' primo tiro in porta della partita: Guberti rientra sul sinistro e da fuori area lascia partire un rasoterra che Cardelli devia in angolo. Se ne accorgono tutti tranne il direttore di gara che indica la rimessa dal fondo

14' si è spostato a destra Guberti

12' ripartenza Siena con Sbrissa che si fa 30 metri e cerca l'1-2 con Guberti, che sbaglia il dosaggio del passaggio. Palla sul fondo

9' due angolo di fila per il Cuneo, nulla di fatto

8' si vede Emmausso, che cerca un improbabile pallonetto da lontanissimo, la palla esce in rimessa laterale. Emmausso, tra l'altro, venne espulso lo scorso anno quando giocava in bianconero, in Cuneo-Siena 2-0

6' altro cross da sinistra, col destro, di Guberti, la palla sfila sul fondo

2' prima iniziativa del Siena: Sbrissa verticalizza per Cianci, sponda per Aramu che allarga a sinistra per Guberti, il quale sbaglia la misura del cross; palla sul fondo

Partiti! E' iniziata Siena-Cuneo, primo pallone toccato dai padroni di casa

14.27 squadre in campo. Robur con la prima maglia bianconera, Cuneo in completo rosso con maniche bianche.

14.15 giornata di sole a Cuneo (9° gradi). Occhio al fattore campo: il manto dello stadio "Fratelli Paschiero" appare decisamente provato dalla neve dell'ultimo periodo

FORMAZIONE UFFICIALE ROBUR SIENA: Mignani sorprende tutti con un corposo turnover. Esordio dal 1' per Varga in coppia con Rossi, Imperiale a sinistra e Sbrissa e Gerli nel mezzo assieme a Vassallo. Davanti conferme per Guberti (capitano) e Aramu dietro a Cianci. In panchina D'Ambrosio, Arrigoni e Gliozzi.

FORMAZIONE UFFICIALE CUNEO: Scazzola lancia subito Gissi, rientrante dalla squalifica, in coppia con l'ex Michele Emmausso. In difesa non c'è l'ex Napoli Santacroce, che partirà dalla panchina. Nel mezzo agiranno Suljc, Bobb e Kanis, in gol nella partita d'andata (finì 1-1, il gol senese da parte di Russo).

(Giuseppe Ingrosso)

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Rete ivo
 

Il consiglio direttivo del Siena Club Fedelissimi, riunito in assemblea ordinaria, ha deliberato all’unanimità e quindi con totale condivisione di tutti i consiglieri, di assegnare il Premio Robur 2018, giunto alla diciassettesima edizione, alla presidente Anna Durio per l’impegno profuso, per aver combattuto contro le ingisutizie perpetrate ai danni della società e per aver portato in alto il nome della Robur. 

La consegna del Premio Robur 2018 avverrà durante una conviviale di cui forniremo in seguito le modalità di partecipazione. Alla presidente Anna Durio le più cordiali felicitazioni da parte del Siena Club Fedelissimi.

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Il Chiasso Largo
 

L'ex mister bianconero Cristiano Scazzola ha parlato alla vigilia della partita con il Siena.

Archiviata la vittoria di Olbia arriva al Paschiero una squadra forte come il Siena. Come sta la squadra?
“La vittoria di Olbia è stata molto importante. Domani affronteremo una squadra costruita per arrivare nelle prime posizioni, è una squadra che fa molti gol e penso possa arrivare tra le prime tre del campionato. Comunque noi con le grandi del girone abbiamo sempre fatto delle ottime prestazioni”.

I nuovi arrivi Cardelli, Pecorini e Emmausso come si sono inseriti?
“Si sono inseriti bene in una squadra costruita bene fin dall'estate è che se non ci fossero state le penalizzazioni sarebbe stata già salva alla fine del girone di andata. I giocatori sono stati bravi ad isolarsi dai problemi societari e dare sempre il massimo in campo”.

Scazzola chiude l'intervista con un appello a Marco Rosso, precedente patron del Cuneo prima dell'arrivo della gestione Lamanna.
"E' un imprenditore serio e so che vuole bene al Cuneo. Chissà se può e vuole darci una mano. La precedente proprietà ha dimostrato di sapere gestire e amministrare bene, quella attuale sta facendo bene a livello tecnico. L'ideale sarebbe unire le due cose...”.

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Rete ivo
 

Con l’Alessandria è arrivato il decimo risultato utile consecutivo, che ha consentito alla Robur di accorciare dalle prime della classe. Ma non c’è nemmeno il tempo di rifiatare per gli uomini di Mignani, ora attesi dal turno infrasettimanale contro un’altra piemontese. I bianconeri faranno visita al Cuneo, in un campo da cui la Robur uscì con le ossa rotte un anno fa, con una delle peggiori prestazioni stagionali.

Non è tutto oro… – Per analizzare la stagione del Cuneo va fatto un distinguo. Dal punto di vista puramente sportivo, i biancorossi stanno disputando una stagione ottima, sotto il profilo dei risultati di gran lunga la migliore degli ultimi anni e probabilmente una delle migliori di tutta la storia del club biancorosso. Gli addetti ai lavori non avevano indicato in quella biancorossa una possibile outsider, ma il campo sta dicendo che l’attuale collettivo è decisamente superiore rispetto a quello che, una anno fa, aveva conquistato la salvezza al playout contro il Gavorrano. Molto del merito va a quel Cristiano Scazzola che a Siena non aveva lasciato un gran ricordo di sè (a voler usare un eufemismo) e che invece in biancorosso sta portando a compimento una annata di spessore; il magic moment tra Ottobre e Dicembre, suffragato da nove risultati utili consecutivi ed un record di sei gare senza subire rete, ha permesso al Cuneo di scalare la graduatoria, rivelandosi al contempo un osso duro per chiunque e mettendo in mostra una difesa granitica ed un calcio piacevole. Adesso arrivare in fondo diventa però il problema principale, e qui si affronta il tema extracampo. La nuova proprietà biancorossa presieduta da Roberto Lamanna, subentrato in estate a Rosso, si è dimostrata inadempiente e per il momento naviga a vista: a Gennaio sono stati comminati quattro punti di penalità per il mancato pagamento degli emolumenti di Luglio-Agosto (oltre ai contributi Inps), che si aggiungono ai tre ricevuti per il ritardo nella fideiussione relativo alla precedente gestione. Inoltre la nuova fideiussione non è stata considerata valida, pertanto dovrebbero arrivare altri otto punti di penalizzazione oltre ad una multa di 350000 euro. Una mazzata che andrà a compromettere il risultato sportivo comunque vada a finire.

Valorizzati – Un peccato visto il responso del campo, che ha mostrato come il Cuneo sia una squadra con dei valori. A partire da Santacroce che dopo un anno di inattività si è ripreso un posto da titolare comandando con diligenza la difesa. Scazzola è stato bravo anche a rilanciare un talento come Kanis, reduce da un paio di anni di anonimato e ora perno della squadra piemontese. Il migliore dei biancorossi è stato fin qui Bobb; il gambiano nei momenti di difficoltà si è dimostrato autentico trascinatore con la sua presenza in mezzo al campo. Dove hanno ben figurato anche i giovani Said, Paolini e Suljic. Buono l’impatto di Celia alla prima stagione tra i grandi; sufficienza piena anche per Castellana e capitan Cristini. La sorpresa è stata Gissi, autore di un bel campionato da neofita della categoria, condito da sole due reti ma di tanta sostanza.

Porte girevoli – Nonostante il record di imbattibilità, Marcone ha fatto le valigie. La sua partenza, direzione Rieti, è stata sorprendente ma pare che alla base ci sia stato uno screzio con qualcuno dello staff; per la sua sostituzione i biancorossi si sono cautelati con una certezza come Cardelli, che a Pisa non trovava spazio. Doloroso è stato l’addio a Borello, probabilmente il giocatore con più qualità della rosa, migrato in quel di Rende; al suo posto è arrivato l’ex bianconero Emmausso, che è stato uno dei sacrificati in casa Reggina dopo la faraonica campagna acquisti operata dalla nuova proprietà calabrese. Hanno fatto le valigie direzione Bolzano, sponda Sudtirol, Romanò e Mattioli; il vuoto lasciato da quest’ultimo è stato colmato con l’arrivo di Pecorini, giocatore di livello (ha sempre giocato in Serie B) ma in cerca di rilancio dopo qualche annata difficile.                                     

Tutti a disposizione – Scazzola potrà contare su tutti gli effettivi della rosa. Il tecnico nativo di Savona si affiderà come di consueto all’ermetico 5-3-2 che sta portando a grandi risultati soprattutto tra le mura amiche del “Fratelli Paschiero”. Tra i pali Cardelli. A destra l’ultimo arrivato Pecorini potrebbe rifiatare, di conseguenza al suo posto potrebbe scalare Castellana, mentre a sinistra tornerebbe Celia dal primo minuto. Al centro della difesa ci saranno Cristini, Santacroce ed uno tra Marin e Tafa. In mezzo al campo chiavi in mano a Suljic, affiancato da Bobb; per l’altro posto ballottaggio tra Said e Paolini. Davanti viaggia verso la conferma Defendi, dopo il gol vittoria in quel di Olbia; con lui ci sarà Gissi che parte favorito rispetto a Jallow. (Jacopo Fanetti)

PROBABILE FORMAZIONE (5-3-2): Cardelli; Castellana, Cristini, Santacroce, Marin, Celia; Said, Suljic, Bobb; Defendi, Gissi.

Fonte: Fol

Tosoni Auto
FISSC
 

Dovrebbe essere fissata al 15 marzo la scadenza per pagare la multa da 350 mila euro per la mancata presentazione di una fideiussione idonea per l'iscrizione al campionato. Ad annunciarlo è stato Francesco Ghirelli, presidente della Lega Pro, ospite ieri nella trasmissione “Ci Piace”, in onda su Sportitalia. Venerdì 15 febbraio, secondo quanto riferito da Ghirelli, la Corte Federale dovrebbe ratificare l'ammenda e gli 8 punti di penalizzazione: da quel giorno Cuneo, Lucchese, Pro Piacenza e Matera avranno un mese di tempo per regolarizzare la propria posizione. In caso contrario potrebbe scattare la radiazione.


Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Sa Giorgio a Lapi
 

Domani la nostra sede sarà aperta dalle ore 14 per assistere alla diretta di Cuneo-Siena su grande schermo.
L'ingresso è riservato ai soli soci del club. La tessera per la stagione 2018-2019 può essere acquistata all'ingesso.

Siena Club Fedelissimi

Tosoni Auto
Sartini Siena