In edicola Mesesport di marzo

Mesesport si avvicina a grandi passi verso il suo 300esimo numero, offrendo in quello di marzo da giovedì in edicola un’ampia panoramica sul variegato mondo sportivo senese alla prese con una crisi che rischia di comprometterne anche il futuro. Un rischio a cui si ribellano sul campo le due realtà più grandi, con il blitz dei bianconeri a Trapani e la sofferta ma utilissima vittoria della Montepaschi su Cantù.

Altro argomento trattato dal mensile di critica e attualità, la presentazione dello studio di fattibilità del ‘nuovo Rastrello’, con le prime e non sempre convergenti opinioni (‘Perché no? A patto che…’; ‘Bello da far – quasi – paura’) e poi ancora sulla Robur: ‘Dal campo un esempio per tutti’; ‘Inseguendo un sogno, anzi, due’, e una preoccupata lettera al presidente bianconero Mezzaroma.

Della Mens Sana se ne parla invece in: ‘Prove tecniche di play off’; ‘Ma l’epitaffio può attendere’; ‘Josh, un uomo solo al comando’; ‘Ed i play off non sono un ripiego’.ecc.

Altro argomento trattato, la bella riuscita – polemiche a parte – della prima edizione di ‘Sport Siena Week’ e la ‘fotogenica’ grande bellezza delle ‘Strade bianche’.

Questi invece alcuni titoli delle varie rubriche: ‘E’ vero… ma non ci credo’;

‘Ascesa e caduta di un’utopia’; ‘Quando il mal comune non è (mezzo) gaudio’; ‘Metafora della crisi di una città’, ‘Ma un piano B era troppo difficile?’

E poi ancora altre notizie e curiosità.

Fonte: Mesesport