In edicola il numero di ottobre di Mesesport

Secondo numero stagionale di Mesesport, l’unica rivista che da 33 anni accompagna le vicende sportive della nostra città. Come si conviene ad una testata di critica e attualità, considerato che al centro dell’attenzione è salita in questi giorni la decisione di revocare cinque trofei alla Mens Sana, dell’argomento si occupano in dettaglio gli articoli: ‘Becchi e bastonati’; ‘Gioco, sponsor e revoca scudetti: quanta carne al fuoco!’; ‘Voglia di gridare: ora si viene, ora si viene…’; ‘Ma volete mettere quanto s’è goduto’ e ‘Due domande sull’unica nota stonata’, oltre a un comodo  calendario 2016-17.

Quanto al Siena, chiamato in questo mese ad esprimere appieno le sue possibilità in virtù del lento ma graduale recupero di posizioni, se ne parla in: ‘Per la Robur controprova nel derby dei derby’; ‘Un mese per capire cosa siamo e dove andiamo’; ‘Chiamalo ‘diritto di cronaca’…’ e ‘C’è spazio per ‘el diablo’ nell’Olimpo degli dei bianconeri?’.

A livello di sport di squadra spazio anche per Emma Villas, Virtus e Costone, attese tutte da una stagione per tante ragioni diversa dalle precedenti e poi servizio e foto sull’Eroica, scherma, nuoto sincronizzato, Siena Hockey, Karate e le rubriche:‘Una città (ancora?) in amore con lo sport’’ e ‘Tutto per non far morire la storia…’.

Ciliegina sulla torta, una pagina dedicata al titolo mondiale di pattinaggio corsa conquistato da Giulia Bonechi trent’anni dopo quello vinto da Laura Perinti.

Fonte: Mesesport