IN ATTESA DI RINFORZI

Messi da parte ricciarelli, cavallucci e panforte, torna d’attualità la Robur.

Il ritorno di Mario Beretta ha indubbiamente contribuito a riportare un po’ di autostima in tutto il gruppo e, a parte l’ultimo incontro dell’anno a Torino, la squadra ha iniziato a raccogliere punti.

Guardando la classifica la cosa più importante era, è e sarà quella di rimanere attaccati al treno delle ultime in graduatoria in attesa che la campagna trasferimenti di gennaio porti quei rinforzi che potrebbero e dovrebbero consentire un cammino più agevole verso la salvezza.

Ormai ci siamo, fra poche ore si aprirà ufficialmente la sessione invernale dei trasferimenti e tutti i tifosi sono in attesa delle novità necessarie e promesse.

Il mercato estivo, per via di alcuni arrivi e di qualche partenza, si è dimostrato insufficiente e, se non si porrà rimedio adeguatamente, il rischio più grande sarà che anche ciò che di buono è stato fatto finirà per essere inutile.

La situazione in classifica non concede interpretazioni di sorta: siamo pesantemente coinvolti nella lotta per non retrocedere e quello che ci aspetta sarà un mini torneo, a quante squadre non è ancora del tutto chiaro, ma di cui sicuramente farà parte la Robur.

Non è allarme rosso (mancano ancora troppe partite per esserlo) ma non è nemmeno una situazione da sottovalutare e per uscirne fuori sarà necessario non sbagliare una mossa nell’imminente mercato.

E’ difficile, e non rientra nel nostro ruolo, entrare nello specifico di ciò che manca ( per questo c’è l’allenatore che alla luce degli uomini che ha a disposizione e di quelli che ha schierato dal suo ritorno fino alla sosta ha fatto già capire quali sono i settori da potenziare) certo è che le caratteristiche e volontà dei giocatori e le capacità dell’allenatore non sono sufficienti per uscire dalla melma della bassa classifica, anche perché, se lo fossero, non saremmo nell’attuale situazione.

Pochi giorni fa abbiamo incontrato, insieme agli altri gruppi organizzati, l’AD Lombardi Stronati che ha condiviso le nostre valutazioni e preoccupazioni lasciandoci con la promessa di adeguati rinforzi.

Siamo fiduciosi che ciò avverrà e che presto Beretta avrà a disposizione elementi validi da integrare in un organico che, in alcuni ruoli, si è dimostrato carente.

Sarà un mese, quello che ci aspetta, in cui voci e smentite si susseguiranno in continuazione, speriamo che presto, i “sembra” e i “forse”, vengano sostituiti da qualche annuncio ufficiale. (Nicnat)

Fonte: Fedelissimi