In attesa del bando di assegnazione, contatti tra la proprietà e l’amministrazione comunale

Quello che ha preceduto la partita con la Pianese è stato un giorno di incontri e di chiarimenti tra la proprietà del Siena e l’Amministrazione Comunale. E’ stato lo stesso presidente della Barkeley Capital, Vagan Oganyan a scendere in campo insieme all’avv. Alessandro Belli e al vice presidente Andrea Bellandi. che si sono incontrati con l’assessore allo sport Paolo Benini. Il punto chiave era e rimane quello dello stadio, ma l’argomento ha due aspetti diversi, uno il bando di assegnazione dello stadio Artemio Franchi e l’altro la costruzione di un nuovo impianto, due situazioni diverse che dovranno seguire necessariamente due strade disgiunte. Il comune ha previsto l’assegnazione dello stadio per dieci anni, con l’impegno di mettere in sicurezza l’impianto per una cifra prevista di circa un milione e duecentomila entro marzo 2023, termine ultimo concesso dalla commissione preposta. Secondo alcune voci la holding spingerebbe per una concessione a più lunga scadenza e questo sarebbe, condizionale d’obbligo, il primo nodo da sciogliere. Diverso e distinto il discorso del nuovo stadio, con il Siena in Serie D e a metà classifica, non se ne parla nemmeno, si dovranno raggiungere altri obiettivi per affrontare concretamente il rifacimento totale del Rastrello. Tra pochi giorni ne capiremo di più.

Fonte: FOL