Imolese: la rosa a disposizione di Fontana

Quattro punti in tre partite sono un bottino di tutto rispetto per l’Imolese che, dopo la sconfitta all’esordio contro la Lucchese, ha saputo immediatamente rialzarsi andando a vincere a Viterbo (con un roboante 3-0) e imponendo il pari al più quotato Cesena. In settimana per i rossoblu si è invece registrata l’uscita dalla Coppa Italia, un risultato che però turba fino ad un certo punto i pensieri di Fontana visto che le attenzioni principali sono ovviamente rivolte al campionato dove la squadra romagnola ha l’obiettivo di restare attaccata al treno salvezza.

Reparto difensivo – Visti gli infortuni di Siano e capitan Rossi, tra i pali i rossoblu devono ancora fare affidamento su Santopadre (’98), cresciuto nell’Atalanta nonché figlio presidente del Perugia. La difesa è guidata dall’esperto Rinaldi (’87), ex Udinese, centrale di personalità e forte di testa, e può contare anche sul promettente Angeli (’02) e su Vona (’96), che contro la Robur sarà assente per squalifica. Sulle corsie laterali da tenere d’occhio Lia (’97), terzino destro impiegabile su entrambe le fasce dotato di grande spinta, e Liviero (’93), scuola Juventus, elemento di gamba e fisicità. Come alternative ci sono Boccardi (’97) e i più giovani Cerretti (’01) e La Vardera (’02).

Centrocampo – Giovanissima la linea mediana a disposizione di Fontana. Può far eccezione D’Alena (’98), vertice basso cresciuto nei settori giovanili di Roma e Torino, mediano abile a dettare i tempi della manovra. Ai suoi fianchi possono giocare la mezzala Benedetti (’00), proveniente dalla Samp, l’interista Boscolo Chio (’02), l’ex Juve e Cagliari Alessandro Lombardi (’01) e un altro under 20 come Masella (’02). Il reparto nevralgico potrebbe essere ancora orfano del giocatore più rappresentativo, ovvero Torrasi (’99), centrocampista scuola Milan, di buona tecnica, in grado di ricoprire varie posizioni in mezzo al campo, che in questo inizio stagione è stato ai box per un problema muscolare.

Attacco – I giocatori con maggiore qualità nel reparto avanzato sono Padovan (’94), attaccante sviluppatosi alla Juve, mobile e pericoloso nell’uno contro uno, e Turchetta (’91), ex Casertana e Sudtirol, seconda punta di grande qualità, con un discreto tiro da fuori e che nelle corde ha la giocata risolutrice. Presenti anche l’ala ex Frosinone Matarese (’98), il puntero argentino Belloni (’01), proveniente dal Pescara, l’empolese Luca Lombardi (’02), il senegalese Sall (’00) e il centravanti De Sarlo (’99), secondogenito del presidente Antonio. Fuori lista invece l’esperto Stanco. (Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol – Foto: Facebook Imolese Calcio