Il Tirreno: Prato senza paura a Siena Intanto si ferma Ghidotti

Il Prato si allena con intensità in vista del derby di Siena che si giocherà domani alle 20,30 al Franchi. Nell’allenamento a Sesto Fiorentino non si è allenato con la squadra il difensore Ghidotti per una botta subita nel match con l’Ancona mentre Corvesi e Ghinassi sono pronti, anche se hanno fatto lavoro differenziato. Presenti tutte e tre i portieri con Francesco Rossi che carica i compagni: «Abbiamo giocato bene in queste due gare ma non abbiamo ottenuto punti. Ora a Siena dobbiamo cercare almeno un punto perché ce lo meritiamo per quello che abbiamo fatto. Nel calcio purtroppo ogni partita è a sé, quindi dobbiamo ripartire sempre con attenzione e determinazione».

Come ti trovi a Prato e perché hai scelto questa società?

«Prato è una piazza importante per chi vuole crescere. Appena è arrivata la richiesta ho subito detto sì. Il gruppo è molto affiatato e c’è il giusto mix tra giovani e calciatori esperti. Inizialmente sapevamo che potevamo incappare in qualche passo falso, ora è il momento di andare a trovare punti».

Il Prato dovrebbe confermare il modulo 4-3-1-2 con Gabbianelli dietro le due punte Kouame e Capello. Quindi sarà anche uno scontro tattico perchè il Siena gioca con un 3-4-2-1. Il Siena vuole invece dare slancio alla classifica dopo i due pari con Carrarese e Pistoiese, gioca in casa e vorrebbe i tre punti. Probabilmente saranno i bianconeri a prendere in mano le redini del gioco e a dover fare la gara, con la formazione di De Petrillo che proverà a stare rintanata nella propria metà campo, puntando sulle ripartenze. La Robur Siena a Pistoia ha mostrato qualche difficoltà nella fase offensiva.

Fuori causa Pellegrini, a mezzo servizio Sacilotto, la Robur non dovrebbe cambiare molto rispetto a domenica scorsa. Atzori potrebbe però variare qualcosa sulla trequarti: Yamga, Piredda e Torelli in lizza per una maglia, mentre Boron è in vantaggio su Masullo a sinistra. (v.t.)

Fonte: Il Tirreno