Il Siena non dimentica la sua storia. Grazie Robur!

E’ stata una serata bellissima, uno di quegli avvenimenti che riescono a fondere il passato con il presente e danno l’entusiasmo per guardare al futuro.

Non è stata la nostalgia a dettare i ritmi della prima cena organizzata per festeggiare i quaranta anni del Siena Club Fedelissimi, sono stati i ricordi, episodi e personaggi che ormai fanno parte, a pieno titolo, della storia bianconera.  Ricordi letti come storia, come ciò che realmente sono.

C’è stato un momento in cui i campioni di ieri sono entrati nel presente, come se fossero ancora in attività pronti per scendere in campo domenica in quel di Livorno.

 

E’ stata la grande sensibilità dell’AC Siena che ha permesso tutto questo donando agli ospiti presenti una maglia personalizzata con il proprio nome.

Ringraziamo per questo il presidente Massimo Mezzaroma e la vice Valentina Mezzaroma, che hanno voluto sottolineare come il passato sia parte importante della grande famiglia bianconera e l’amico Fulvio Muzzi che con la riconosciuta solerzia ha realizzato in poche ore le maglie.

 

Pazzaglia, uno dei più felici per l’inatteso omaggio-riconoscimento, è riuscito a malapena a nascondere la grande emozione che provava e con la voce rotta ha sussurrato una frase che resterà impressa a lungo nei nostri cuori:

 

“Queste emozioni si possono vivere solo in questa magica città, perché in Piazza del Campo ci nasce la verbena e sempre ci nascerà. Siete voi tifosi, voi senesi tutti,  la verbena.  Grazie!”

(nn)

Fonte: Fedelissimo Online