Il Siena in trasferta e i commercianti ringraziano

Prima Foligno, poi Civita Castellana, Gualdo e domenica scorsa Piancastagnaio. Luoghi tra Lazio, Umbria e Toscana che nelle ultime settimane in domeniche, apparentemente come tante altre, si sono visti  letteralmente prese d’assalto da truppe colorate di bianconero.

È sempre maggiore il numero di tifosi bianconeri che ha fatto precedere alla gara dell’amata Robur il pranzo in trasferta, cogliendo l’occasione per accompagnare alla fede calcistica le voglie enogastronomiche. E allora non c’è certo da stupirsi se fin da giorni prima i ristoranti di Piancastganio erano esauriti così come lo furono quelli di Gualdo. E non c’ altrettanto da stupirsi se ai commercianti del posto il Siena piace. Sì perché quando la Robur gioca fuori casa si porta con sé un numero tale di tifosi che permettono incassi record per le società (vedi la gara con la Pianese) ma anche entrate importanti per ristoranti, bar e quant’altro che, in domeniche simili e visto anche il periodo attuale, avrebbero probabilmente il loro lavoro molto ridotto.

Una situazione simile vissuta a Siena negli anni passati, quando tanti tifosi delle squadre che poi avrebbero giocato al Rastrello coglievano l'occasione per visitare la città, mangiarvi e/o pernottarvi con conseguente ritorno economico per i loclai senesi.

Un fenomeno Siena che, ci auguriamo proseguirà nelle prossime trasferte bianconere, ma con una premessa ben chiara: belle trasferte, divertenti, arrivederci e al prossimo anno… ma anche no!

Fonte: Fedelissimo Online