Il punto sul mercato della Robur

Una settimana e sarà campionato. Dopo la gara di ieri sera molte sono state le indicazioni positive, soprattutto dalla zona mediana del campo con la piacevolissima sorpresa di Verre, ma allo stesso tempo è sempre più diffusa la consapevolezza che la società deve ancora lavorare per completare e potenziare la squadra.

DIFESA – Partiamo dal reparto che ieri, per la prima volta in tutta l’estate, ha dato segnali di difficoltà. Certo l’arrivo di Felipe (prestito secco) che ha svoltoquesto pomeriggio le visite mediche e che da domani dovrebbe già essere a disposizione di Cosmi. Insieme a lui arriverà Martinez (prestito oneroso con diritto di riscatto fissato a un milione di euro le ultime voci), per il quale vanno risolti solo gli ultimi dettagli e che dovrebbe essere in Italia domani. E Caldirola? Come ha detto Antonelli è in stand by ma chissà che non possa arrivare anche lui. Uvini, sempre che il Napoli lo prenda, rimane al momento in seconda fila e anche perché, nonostante si parli un gran bene di lui, più che scommesse al Siena servono certezze

CENTROCAMPO – La zona centrale è ben presidiata, dove manca qualcosa è nel ruolo di esterno destro. Ci vuole un Del Grosso per intendersi, un giocatore bravo a coprire ed in grado di fare tutta la fascia. Nomi niente o quasi con Mesto che è ad un passo dal Napoli per fare il vice Maggio.

ATTACCO – Si lavora molto, ma è il reparto dove si dovranno far ei maggiori sforzi e dove si deve operare in maniera attenta. Rosina arriva solo se rescinde con lo Zenit o i russi accettano un prestito secco con buona partecipazione dell’ingaggio. Per Floccari il Siena chiede il prestito e un aiuto per l’ingaggio, ma la Lazio sembra orientato a cederlo al Bologna che offre 4 milioni rispetto ai 5 chiesti da Lotito. Il Siena tornerebbe in corsa solo negli ultimi giorni, qual’ora la Lazio non trovi acquirenti e decida di cedere il giocatore ad ogni costo. Il nome più caldo è quello di Guidetti, 20 gol in Olanda, chiesto ufficialmente in prestito al City che ancora non sembra aver deciso cosa voler fare del giocatore (cessione definitiva o nuovo prestito?). Dall’Inghilterra rimbalza la voce che il campionato italiano sarebbe una meta gradita al calciatore e al City, perché sarebbe un banco di prova interessante per capire il reale valore di Guidetti. Ma anche qui sembra di dove pazientare. Su Edu Vargas Antonelli ha detto di “averne parlato con Bigon che mi ha fatto capire che aveva bisogno di tempo. A noi però farebbe comodo”. Infine Campos Toro sembra vicino, ma anche lui è una nuova scommessa e si prenderà solo se non arriva nessuno de nomi suddetti. (Luca Casamonti)

Fonte: Fedelissimo Online