IL PUNTO SUL MERCATO BIANCONERO

Il Siena ha concluso il mini ritiro invernale in Liguria e da martedì riprenderà gli allenamenti a Colle, in vista della proibitiva partita di domenica prossima contro la capolista Inter. Finito il ritiro è iniziato il mercato di “riparazione” che si concluderà il 31 gennaio. Come promesso da Stronati puntuale il 4 è arrivato Richard Porta bomber uruguaiano su cui la società crede molto, tanto da avere investito circa 3 milioni di euro. Ma il mercato del Siena non finisce qua, dopo la partenza di Bucchi destinazione Bologna, secondo noi  manca un centravanti di peso, due centrocampisti e forse anche un esterno destro di difesa.  Tante le voci che giornalmente si leggono sui giornali proviamo a riassumerle:
Attacco: il DS Gerolin ha puntato subito su Caracciolo, che nella Sampdoria trova poco spazio, ma la società blucerchiata ha sparato 4 milioni per la metà del cartellino. Francamente esagerati. Piace anche Stephen Ayodele Makinwa (24), della Lazio ma il giocatore sarà impegnato nella Coppa d’Africa fino a metà febbraio. In questo momento il centravanti più vicino è Christian Riganò (33), che vuole venire via dal Levante, ultimo nella Liga spagnola ed in crisi economica. Il giocatore sembra gradire la destinazione, visto che ha casa a Firenze e tornerebbe volentieri in Toscana, ma si deve liberare dal Levante e firmare un nuovo ingaggio con il Siena accettando una riduzione dello stipendio. Fantasiosa sembra l’idea dello scambio Corvia – N’Diaye Papa Waigo con il Genoa. Ma il nome nuovo potrebbe essere Vangelis Mantzios (23)ariete del Panathinaikos ma con scarsa propensione al gol.
Centrocampo: Il Siena tratta con il Cagliari l’esterno destro Marchini, con il Genoa il centrale Coppola, e poi si parla con insistenza di due ritorni Antonini ed Eremenko che bene hanno fatto lo scorso anno con Beretta. Dall’estate scorsa viene seguito il centrocampista di proprietà della Cavese Pietro De Giorgio (24).

Difesa: L’unico nome è quello del brasiliano Danilo (23) difensore dell’Atletico Paranaense, ma l’alto costo del cartellino sembra scoraggiare.

Questo per quanto riguarda il mercato in entrata ma il DS Gerolin dovrà anche sfoltire la rosa di giocatori che fino ad oggi non hanno mai messo piede in campo o solo per qualche minuto. Ai vari Jaakkola, Scardovelli, De Lazzeri, Guadalupi, Esposito, Veron, Caetano dovrà essere trovata una squadra anche di categoria inferiore per capirne il valore.

Fonte: Fedelissimi