Il nostro domani? Liberare la testa e continuare dare il massimo

Paradossalmente la sconfitta con il Modena potrebbe trasformarsi in un vantaggio. Ci spieghiamo meglio, riprendendo da quanto scritto ieri. Al momento la classifica – e le prestazioni – indicano che ci sono almeno tre squadre superiori all’organico bianconero. In altre parole, la corsa al primo posto si è tremendamente complicata, ma contemporaneamente potrebbe liberare di qualche condizionamento la truppa bianconera che da ora in avanti avrà come obiettivo quello di raggiungere una posizione di rilievo in ottica playoff. Non è un ridimensionamento degli obiettivi, ma un prendere atto della realtà, di una classifica che parla chiara e non concede troppe interpretazioni. Forse ci eravamo illusi in tanti, c’è stata qualche dichiarazione di troppo circa l’obiettivo finale, ma non da parte di chi il calcio lo conosce approfonditamente, Giorgio Perinetti, che ha sempre parlato di un campionato di assestamento in proiezione futura. Tra le squadre che incalzano le prime tre, il Siena ha le carte in regola per giocarsela con tutte, soprattutto se finirà la lunga serie di infortuni, iniziata da Gatto fino ad arrivare a Milesi. Dire che con l’Olbia inizierà un altro campionato è sbagliato – il campionato è uno e sta andando avanti – ma credere che questa squadra ha le potenzialità vere per crescere ancora non è campato in aria ed è quello che tutti ci aspettiamo convinti. (NN)

Fonte: FOL