Il dg Agnolin: Avanti tutti uniti per qualcosa di importante

Un uomo di calcio, già a Siena durante la prima era Ponte, quando Pastorello deteneva il 40 per cento delle quote. Collaboratore di Artemio Franchi “tanto da avere la tessera della Torre”, dirigente di club come Roma, Verona e Perugia e dell'Aia, ex arbitro con una gloriosa carriera negli anni '70-'80: Luigi Agnolin è il nuovo direttore generale della Robur. “Dobbiamo essere sinceri – ha affermato – perché la trasparenza, così come l'etica, è uno dei principi su cui si basa il nostro progetto. Partiamo da zero, non abbiamo niente, ma in questi pochi giorni abbiamo dimostrato di volerci muovere nella maniera giusta. Non abbiamo perso tempo, abbiamo preferito ponderare ogni scelta. Ogni giorno ci sarà una novità: lunedì la squadra partirà per il ritiro, con già un nucleo di giocatori. Per adesso come Giovanili, abbiamo soltanto gli Juniores, che lavoreranno di pari passo con la prima squadra, per essere anche un serbatoio utile. Nei prossimi mesi ricreeremo anche le altre formazioni”. “Siamo in ritardo ma non abbiamo paura – ha proseguito Agnolin -, consapevoli delle difficoltà ma certi della nostra volontà e del nostro entusiasmo. Però per riuscire a far bene serve l'aiuto di tutti, l'ambiente deve essere compatto, deve esserci un sostegno reciproco. Via il rammarico, si riparte”. (a.go.)

Fonte: Fedelissimo on line