Il Bicchiere a cura di Federico Castellani

Continua la marcia dei ragazzi bianconeri. Applausi e cori per loro. Nonostante una situazione non edificante in una società misteriosa, fatta di sliding doors: entra ed esci, entra uno nuovo e viene messo da parte un altro e cosi via….. In una società che non fa comunicazione e non dà certezze fra situazioni interne ed esterne – se non il pagamento ad oggi degli stipendi dei giocatori, ovvero il minimo sindacale in qualsiasi forma di rapporto professionale e quindi non sbandierabile con tanta arroganza –  i giocatori appunto fanno il loro e scendono in campo compatti e decisi. Applausi ancora. Speriamo continuino con questa serietà professionale non usuale nel mondo calcistico. Il Presidente dovrebbe andarne fiero e coccolarseli.  Chissà se lo fa oppure li ritiene suoi oggetti come figurine di scambio Panini. Noi però per ora crediamo a Babbo Natale.

Mezzo pieno

Prova di carattere facilitata da un Montevarchi veramente modesto, ma l’occasione fa l’uomo ladro e ci portiamo a casa una vittoria importante per la classifica, per l’autostima, per i tifosi che raramente in quel di Montevarchi avevano fatto bottino pieno. Un plauso particolare a Favalli per la continuità delle grandi prestazioni al quale ci ha abituato.

Mezzo vuoto

Da un punto di vista strettamente sportivo niente da eccepire. Per tutto il resto, l’addio di leader ci preoccupa ma purtroppo da qualche anno ci siamo abituati. Costruire a Luglio per distruggere a Gennaio. Una sorta di porte girevoli dove si entra e si esce con molta facilità. Che non abbia a venire di peggio. Forza Siena, forza la Robur,

Fonte: FOL