Il  Bicchiere a cura di Federico Castellani

I giorni passano inesorabilmente e oramai siamo agli sgoccioli di questo ritiro umbro. Domenica un test che si profilava interessante per la caratura dell’avversario e per vedere i progressi della squadra. L’incontro amichevole invece ha fatto vedere una partita abbastanza noiosa sia da una parte che dall’altra. Condita inoltre da infortuni che speriamo siano di lieve entità. Ha tradito pertanto un po’ le attese dei numerosi tifosi senesi sopraggiunti ma nella consapevolezza che le gambe sono” pese” e voglia di sforzare non c’era: né da parte nostra né da parte degli Eugubini e il risultato si è inchiodato sul pareggio frutto di due penalty.

Mezzo pieno

La difesa sembra cominciare a rodare. Si denota che giocano sempre gli stessi segno evidente che il reparto è abbastanza definito. Farcas sembrerebbe la prima alternativa. Nel mezzo c’è buon fraseggio e idee anche se cambiamo gli interpreti e le” palle “non sembrano ferme sulla scelta di eventuali titolarissimi. Da rimarcare che, dopo avere incontrato tre squadre di cui due di buon livello, lo score si attesta ad 1 goal subito e su rigore; ci fa piacere che nel ritiro dal primo giorno di ritiro a Lubriano c’è anche Francesco Mezzasoma, difensore classe 2004 e vice capitano della Primavera. Aggregato alla prima squadra assieme al centrocampista del 2003 Roberto Danielli e al 2007 Niccolò Rizzo, difensore dell’Under 17. Sul fronte abbonamenti sembra un buon viatico ( circa 1300 sottoscritti) anzi si aspetta l’ultimo assalto dopo Palio per raggiungere quota 1800 e magari superarla visto gli sforzi encomiabili della Società di fare veramente prezzi e agevolazioni notevoli. Ora sta alla città, ancora una volta, a mostrare affetto e attaccamento ai bianconeri.

Mezzo vuoto

Davanti si stenta ancora a trovare la via del goal. In attesa del ritorno del Paloschi che domenica era fra i convocati senza peraltro scendere in campo. La prudenza in questo caso non è mai troppa. Molto giro palla ma di finalizzazioni veramente poche. Resta aperta- come detto dal Presidente nell’intervista- la “questione stadio”. La fine dei lavori di antisismica sono stati, bontà loro, promulgati al prossimo agosto. Ma chi ha tempo in questo caso non aspetti tempo. E si avvantaggi per evitare fastidiosi ritardi. Per il momento aspettiamo la prima vera uscita in Coppa Italia e magari qualche colpo in entrata figlio forse di qualche uscita eccellente. Forza Siena Forza La Robur

Fonte: FOL