Il  Bicchiere a cura di Federico Castellani

Continua la striscia iniziata a Modena, con concentrazione e pochi fronzoli. Il famoso detto meglio due feriti che un morto ha trovato la più classica delle consacrazioni ieri al ventoso Nespoli. Bene così. Mi allineo nel Padalino pensiero che mi convince sempre di più per pragmatismo e capacità di lettura delle partite. Bene così ripeto. Ho visto una squadra cazzuta decisa a ribattere colpo su colpo non disdegnando qualche ripartenza felina. Non è andata ma tutto sommato uscire indenni da una trasferta doppia è un buon viatico. Molti hanno visto una squadra schierata a tre davanti;  io la vedo differente, non soffermandomi al nome o al ruolo classico del giocatore sulla carta ma osservando Guberti (90 minuti) disposto come quarto di centrocampo. Cosa gli permette  di fare meno chilometri e gli consente minutaggio e sapienza tattica. Favalli ancorato dietro e rare puntate di Laverone con due punte con Caccavallo a supporto di Ardemagni aspettando l’inserimento di Cardoselli. Squadra elementare semplice guardinga con il detto: prima non prenderle. Finalmente.

Mezzo pieno

Un altro passo verso la zona no play out. Evidente obiettivo con il salvataggio della categoria. Infatti non ci sono solo i punti di distanza ma ci sono gli scontri diretti a favore: Olbia, Teramo, Fermana su tutti. Quindi abbiamo a parità un punto di più per la classifica avulsa. Conferma di un buon Maltese in coppia con altrettanto redivivo Pezzella. Altrettanto dicasi per Crescenzi-Dumbravanu e gli altri. Io voglio sperare di non inciampare per complicarmi la vita ma nemmeno voglio rompermi la testa prima a vedere tutto negativo come sento da più parti. Vedremo. Intanto abbiamo smosso la classifica. Lo avessimo fatto anche col Gubbio era meglio.

Mezzo vuoto

Una grande lacuna: l’attacco. Ardemagni sembra ancora molto bloccato e certo palle veloci e in profondità non sono il suo forte ma è pur sempre un celebrato attaccante e deve riuscire a farsi sentire là davanti. Scrivo mentre le altre partite vanno a cominciare e da certi scontri si capirà di più sulle reali possibilità di agguantare la quota salvezza reale senza affanni. Purtroppo, in queste situazioni, si è legati anche ai risultati delle altre. Forza Siena Forza La Robur

Fonte: FOL