Il Bicchiere a cura di Federico Castellani

Prestazione da principe e ranocchio. Buoni 25-45 minuti da principe. Squadra anche bella da vedere in certi tratti. Poi, nella ripresa fatica a ritrovarsi e per almeno 30 minuti rivediamo una squadra contratta, lenta con un giro palla ossessivo ma sterile. Figlio della condizione atletica di alcuni vecchi e della scarsa dei nuovi. Tuttavia l’inconsistenza difensiva degli Orange ci dà almeno tre occasioni per fare bottino pieno lasciandone però altrettante a loro. Una riflessione: è proprio necessario ripartire sempre dal basso a due all’ora? Il calcio, se pur di serie maggiori, ci fa vedere spesso rilanci nella metà campo avversaria dal portiere. Ieri forse, visto la condizione fisica non ottimale e l’uscita dal campo dei piedi buoni- che avevano finito il serbatoio- forse ci avrebbe dato una mano.

Mezzo vuoto

Partendo dalla riflessione credo che siamo ancora afflitti da un giro palla ossessivo, improduttivo e che permette agli avversari di piazzarsi. Inoltre qualche giocatore perde palloni sanguinosi dando spazi a feroci contropiedi anche di avversari inferiori o palloni da sospingere in rete come ieri sera ( Bani) . Rifletterei per mercoledì dove probabilmente troveremo una Fermana chiusa dietro ovviamente.

Mezzo Pieno

La magata del Mister che si schiera in un modo aggressivo sorprendendo l’avversario per circa un tempo. Il recupero di Caccavallo per almeno 45 minuti e tutto sommato di Guberti che riesce a fare belle cose da mezzala (vedi il grande lancio nel primo tempo proprio a Caccavallo che si mangia una buona opportunità gigioneggiando al limite dell’area). Un grande Lanni reattivo. Una bella prestazione di Terzi e un ritrovato Disanto con Bianchi completano i fatti positivi. Considerando che mancano due pilastri come Favalli e Pezzella. Intanto pigliamoci questo punto che scomodo non fa. Sette punti in tre partite. Va bene. Infine un ritrovato entusiasmo nella tifoseria che ieri in 175 erano presenti e che hanno salutato la squadra con un lungo applauso. Feeling ritrovato grazie al certosino lavoro del Mister che ha ridato fiducia ai giocatori e all’ambiente. Forza Siena e Forza la Robur

Fonte:FOL