Il Bicchiere a cura di Federico Castellani

Fiat voluntas Dei! E’ da poco che ho letto la notizia nel nostro professionale sito che l’incontro ha avuto risvolti positivi. Le voci si rincorrono. Entusiasmo e bocche larghe con sorrisi di compiacimento. E’ pleonastico ribadire che Roma non si fece in un giorno ma chi ben comincia è a metà dell’opera. E questo non può che essere un bell’inizio. Un grande inizio.  In attesa di conferme ufficiali, come il buon giornalismo impone, sono e siamo in moltissimi tifosi felici di tale esito. Andremo domenica allo stadio con un animo più leggero consapevoli che allora si fa sul serio.

Mezzo vuoto

Ho riempito questo spazio fin troppo nel corso di quest’annata. Speriamo che rimanga sempre mezzo pieno anzi tre quarti pieno perché abbiamo sete. Tanta sete.

Mezzo pieno

Per quello che può significare stamani straborda. Mi fa piacere che chi aveva il potere di scegliere e di rivolgere il pollice in alto lo abbia fatto.  Vorrei dire a Mr. Ing. Oganian e i suoi collaboratori che Siena non è matrigna. E’ madre. Severa ed irrascibile forse. Sospettosa verso tutto ciò che è nuovo e misconosciuto. Ma quando ti ha misurato e ti accetta è pronta a difenderti ed avvolgerti con il suo mantello. Questo passo vale più di cento, mille propositi e interviste. Sono, e speriamo sempre che lo sia fino alla definitiva ufficialità, I fatti che contano. Non le parole. Non le promesse. I fatti. Restando fedele a quello che ho sempre scritto: pronti a criticare e contestare anche aspramente ma allo stesso tempo pronti ad innalzare le nostre bandiere. Comiciamo ad esserci. Forza Siena Forza la Robur.

Fonte: FOL