I prossimi passi per l’iscrizione al campionato

Tutte le società aventi diritto, per partecipare al Campionato di Serie C stagione sportiva 2022/2023, devono ottenere la Licenza Nazionale e a tal fine devono effettuare gli adempimenti richiesti relativi a criteri legali ed economico-finanziari, ai criteri infrastrutturali ed ai criteri sportivi e organizzativi.

La prima scadenza è quella del 15 giugno, data entro la quale le società devono depositare presso la Commissione Criteri Infrastrutturali e Sportivi-Organizzativi la documentazione comprovante il contratto, la convenzione d’uso o un documento equivalente relativo all’impianto che si intende utilizzare, validi almeno fino al termine della stagione sportiva 2022/2023. Nel caso in cui la società non abbia la disponibilità di un impianto nel proprio comune, servirà depositare un’istanza per ottenere la deroga a svolgere l’attività per la stagione sportiva 2022/2023 in un impianto non ubicato nel proprio comune. L’inosservanza di questo adempimento è sanzionata con un’ammenda non inferiore a 10.000 euro. Gli adempimenti potranno comunque essere integrati entro il termine perentorio del 22 giugno.

Entro il 17 giugno le società devono presentare alla suddetta Commissione una dichiarazione sottoscritta dal legale rappresentante della società contenente l’impegno a partecipare ai campionati Primavera, Under 17 e Under 15 nazionali.

La data del 22 giugno è quella fondamentale per la partecipazione al prossimo campionato. Le società dovranno depositare entro quel termine la domanda di ammissione e versare la tassa di iscrizione al Campionato di Serie C, oltre ad una garanzia a favore della medesima Lega da fornirsi esclusivamente attraverso fideiussione dell’importo di euro 350.000 euro. I club dovranno poi assolvere al pagamento dei debiti nei confronti della FIGC, delle Leghe e di società affiliate anche a federazioni estere e, soprattutto, il pagamento degli emolumenti dovuti, fino alla mensilità di maggio 2022 compreso, ai tesserati, ai dipendenti ed ai collaboratori addetti al settore sportivo con contratti ratificati dalla competente Lega. Lo stesso vale per le ritenute Irpef, fino alla mensilità di aprile 2022, ed Inps, fino alla mensilità di maggio 2022. L’inosservanza del termine perentorio del 22 giugno 2022, anche con riferimento ad uno soltanto degli adempimenti previsti, determina la mancata concessione della Licenza Nazionale per il Campionato di Serie C 2022/2023.

Fonte: Fol