Guidolin: abbiamo recuperato vitalità!

Vigilia importante quella che precede il match con il Siena. L'Udinese deve cercare di racimolare punti in ottica terzo posto. Guidolin, in conferenza stampa, fa il punto della situazione: "Speravo di recuperare sia Basta che Benatia, perchè avevo ad inizio settimana questa possibilità. Non c'è. Andiamo a Siena senza loro e senza qualche altro. Con il gruppo che ha lavorato questa settimana. E' giusto non rischiare, visto che poi abbiamo partite ravvicinate. Bisogna tenere duro".

Le statistiche dicono che il Siena tira poco in porta, pochi angoli, poca supremazia territoriale, ma ottima difesa: "Uno che fa il calcio non guarda queste cose, sono notizie che non dicono niente. Il Siena è una belllissima realtà del nostro campionato, che ha saputo tenersi fuori dalla lotta salvezza attraverso il gioco. Il tecnico è arrivato con merito nella massima categoria. Attraverso il lavoro di gruppo ha ottenuto quanto ha, e questo è l'importante. E' un avversario insidioso, ha ben chiaro l'obiettivo da raggiungere. Se non saremo pronti a livello di intensità di gara, avremo grosse difficoltà. Serve carica e determinazione. L'organizzazione del Siena rende la vita difficile a tutti. E ricordiamo che l'Udinese è sempre l'Udinese":

Armero come sta? Bertotto ha detto che per guardare avanti serve vincere e che arrivare tra le prime sei sarebbe già un traguardo importante: "Su Armero ha fatto due settimane di lavoro tranquille e mi sembra più brillante. Ne avevo parlato con lui, gli ho ricordato che aveva bisogno di rifiatare. Lì ho anche Pasquale che sta facendo bene. Per il resto, noi siamo in corsa per l'Europa, che per Udine è comunque importante. Cerchiamo di non perdere di vista la realtà. Non so dove arriveremo, se ce la faremo. La stagione è stata insidiosa, lo sapevamo che sarebbe stata così. Essere dove siamo per me è gratificante. Siamo in mezzo a squadre che hanno un bacino d'utenza importante"

La squadra può essere un pò stanca? "Non credo.Vedendoli lavorare mi sembra che tutti abbiano recuperato una buone dose di vitalità. Penso all'impegno di oggi tra Barcellona e Atletico Bilbao: trovo assurdo che abbiano giocato mercoledì e giovedì per giocare subito sabato. E' irrispettoso per gli atleti. Penso che i miei abbiano recuperato e questo dovrebbe consentire a tutto il gruppo di fare un buon finale in quanto a risorse energetiche".

Recuperata la vivacità: significa maggiore brillantezza? "Penso di sì. Ci proviamo, lavoriamo per un buon finale. Sarebbe importante avere tutti a disposizione per poter fare delle scelte e giocarsela alla pari con gli altri. C'è comunque una buona dose di vitalità!"

Battocchio ha detto che la forza dell'Udinese è il gruppo. E' vero? "Deve essere il gruppo la forza. Tutti bisogna avere lo stesso obiettivo, lavorare di insieme, essere squadra, avere coesione per essere squadra e raggiungere risultato. Altrimenti si parla di tennis, non di uno sport d'insieme".

Quali soluzioni per battere la difesa del Siena? Nel secondo tempo a Palermo sembrava averle trovate "A Palermo nella ripresa ha giocato meglio la squadra. Abbiamo provato diverse soluzioni, ma credo che per fare bene bisogna giocare bene e con i ritmi nostri. Il risultato può dipendere da tante cose".

C'è ancora il problema delle vittorie in trasferta. E Il Siena non può permettersi di perdere: "Ricordando trasferte come Genoa e Firenze, non guarderei tanto al fatto di aver trovato squadre in un momento particolare. Se avessimo fatto un punto a Firenze e uno a Genoa avremmo una classifica diversa. Dobbiamo guardare solo a noi stessi, cercando di giocare bene e non regalare nulla agli altri".

68 punti sono abbastanza per il terzo posto? "Non lo so".

Fonte: udineseblog.it