Guberti: “Punto di partenza, non di arrivo”

Lo speaker ha dato il gol a lui, ma in realtà la paternità spetta a Pietro Cianci. “Ma chi segna non ha importanza, sono contento per Pietro”, dice Stefano Guberti in conferenza stampa. “Se senza la sua deviazione sarebbe andata fuori? Non mi interessa, fa lo stesso”.

La gara – “Un’ottima partita contro un grande avversario, ce la siamo giocata alla pari. Ci sta di soffrire, anche se nel primo tempo hanno sofferto più loro di”.

Cambio – “Siamo rimasti con lo stesso modulo, ho preso il posto di Vassallo”.

Futuro – “La cosa importante è proseguire in questo percorso di crescita. Ci siamo accorti di aver sprecato qualche partita. Ora dobbiamo star coi piedi per terra. Per noi è un segnale: dobbiamo capire che con questo atteggiamento si può dar fastidio a tutte. Non deve essere un punto di arrivo ma di partenza. C’è tanto da crescere”. (G.I.)

Fonte: FOL