Gol non valido, fischiato un fallo di confusione

Che dire, della serie come rovinare una partita con una decisione cervellotica, figlia della confusione che regna nelle "sestine" arbitrali che da quest'anno sono chiamate a dirigere le gare di serie A.

Fino al 15' del secondo tempo il difficile match era stato controllato bene dal fischietto internazionale Valeri che, prima con alcuni richiami e poi con i cartellini, aveva tenuto tutto nei normali binari di una sfida gagliarda, si era mosso bene sul campo applicando anche qualche bel vantaggio.
Da questo minuto tutto è stato più difficile, la partita si è incattivita, è diventata complicatissima da arbitrare, assai intensa, molti i fischi più o meno azzeccati, tante forse troppe le ammonizioni. Nella rete annullata a Paci molte sono le versioni: c'è chi dice che il fischio sia arrivato prima del colpo di testa del bravo difensore senese, chi afferma che Valeri abbia prima convalidato il pareggio e poi, grazie od a causa dell'intervento dell'arbitro d'area Rizzoli (ancora lui!), l'arbitro centrale abbia cambiato opinione fischiando fallo contro la Robur.
Di fatto è stato annullato un gol che è sembrato regolarissimo e questo, nonostante che in campo ci siano nientemeno che 6 arbitri per cui devono vedere bene tutto quello che accade, non deve accadere perla regolarità delle partite e quindi del campionato. Per vari moniti sono stati ammoniti: al 28' Rigoni per fallo su Rosina, al 30' Della Rocca per contatto duro su Hetemaj, al 44' Terzi per aver strattonato Cesar in occasione della rete ospite (e qui Valeri ha applicato un favoloso vantaggio), al 59' Frey per brutto fallo su Rubin, al 64' Dainelli e Paci per reciproche scorrettezze, al 73' Vergassola per aver fermato irregolarmente Coffe, all'84' Paolucci per fallo da dietro, all'88' Cesar per un fallaccio da dietro su Paolucci (e qui ci sarebbe stato benissimo un bel rosso), al 92 Hetemaj per una brutta reazione ed al 94' Luciano per offese verso i giocatori senesi che non avevano reso un pallone. Da segnalare che l'assistente di linea Stefan è stato attento nei numerosi fuorigioco, mentre il suo collega Petrella molto distratto su alcune segnalazioni. (Claudio Agnelli)

Fonte: Corriere di Siena