Gol, non gol: cosa è successo?

Fallo, gol, poi ancora fallo in favore del Chievo. Sono stati attimi concitati quelli attorno al 17’ della ripresa. Ma proviamo a ricostruire i fatti, dopo quanto riferito a fine gara anche dai protagonisti in campo. 

Rosina parte a calciare l’angolo, in area ci si tiene e ci si strattona come su mille calci d’angolo e Valeri fischia (udito da molti presenti allo stadio) ravvisando un’irregolarità contro il Siena. Mentre Valeri sta fischiando, Paci incorna di testa e mette la sfera in rete. Per i calciatori del Chievo il gioco è fermo, per quelli del Siena la situazione non è chiara.
Paci corre ad esultare verso la panchina, mentre Valeri indica per intenderci la Curva Robur (il centrocampo, il”verso della punizione”?)passeggia a centro area indeciso sul da farsi. Il direttore di gara viene attorniato dai giocatori della Robur, che chiedono spiegazione. Non sappiamo cosa siano detti (Paci a fine gara ha dichiarato che Valeri abbia detto “è gol, è gol”), ma la reazione dei bianconeri è quella di andare ad esultare, avendo quindi ricevuto risposta che fosse stato concesso il gol.
Il Franchi esplode, lo speaker dà l’annuncio del gol di Paci ma Valeri, attorniato dai giocatori del Chievo, torna sui suoi passi, decretando la punizione in favore degli ospiti. Cosa sia successo in quei frangenti non è chiaro, forse Rizzoli, arbitro di porta, ha detto la sua o forse no lavandosene proverbialmente le mani.

Quel che è certo è che si riparte sullo 0-1. Oltre al danno la beffa. Perché se Valeri avesse ravvisato il fallo, sicuramente dubbio, ci saremmo arrabbiati per una decisione errata. Ma quello che succede dopo è paradossale. Perché se viene fischiato un fallo, va bene, ma se poi viene concesso il gol non si può tornare più di una volta indietro. E allora ogni dubbio e ogni dietrologia è più che lecita…

Fonte: Fedelissimo Online

Ps: negli highlights della Lega Serie A (legaseriea.it) riferiti alla gara Siena-Chievo nemmeno viene riportato l’episodio. A pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca.