GODIAMOCI IL NOSTRO QUINTO SCUDETTO

Il Siena si sta avviando verso la sua quinta storica salvezza e, caso più unico che raro, i più tranquilli di tutti sono i tifosi. In questi giorni, se uno non conoscesse a fondo la situazione, e si mettesse a leggere i vari comunicati, le interviste, le dichiarazioni degli addetti ai lavori, potrebbe pensare ad una piazza in agitazione, ad un ambiente in fibrillazione. Niente di più falso, almeno per quanto riguarda noi tifosi. Siamo estremamente felici di come si sono messe le cose dall’arrivo di Beretta ad oggi, molto semplicemente, e di questo ringraziamo tutti da Gerolin a Zanzi, da Fabrizi a Lombardi Stronati e soprattutto tutta la squadra. I risultati sono positivi, ci siamo tolti soddisfazioni impensabili, basti ricordare il 3 a 0 alla Roma o la vittoria con la Fiorentina, ma tutto questo pare non bastare per tranquillizzare certi settori. Il problema sembra essere diventato la conferma o meno del mister Beretta. Noi ci siamo già espressi, sempre molto tranquillamente, sull’argomento e riteniamo che il prossimo anno Beretta debba essere ancora l’allenatore del Siena, sia per i meriti acquisiti sul campo, sia per l’esperienza acquisita all’interno della società, ma non siamo certo quelli che devono decidere. Pare che questo argomento susciti ancora qualche discussione all’interno della società che sinceramente non riusciamo a  capire. La conferma o meno di Beretta ci preme non solo per le qualità della persona, ma soprattutto per i programmi futuri. Facciamo solo delle ipotesi, ma se Beretta avesse chiesto delle garanzie tecniche, come ogni allenatore intelligente avrebbe fatto, e queste non possono essere date, il problema, allora, diventerebbe  piuttosto serio. Non vogliamo nemmeno pensarci ed invitiamo tutte le componenti societarie (e non) alla calma ed alla riflessione, oltre che all’azione visto che nel calcio… chi dorme non piglia pesci. Stiamo vivendo un momento magico, non roviniamolo.

Fonte: fedelissimi