Gilardino: “Per vincere qui serviva un altro atteggiamento. Prima volta che vengo espulso per non aver detto nulla”

A fine partita ha parlato Alberto Gilardino. Le sue parole:

La partita – “Non mi è piaciuto l’inizio del primo tempo e del secondo. Siamo stati passivi, se vogliamo venire in questi campi per provare a vincere serve un altro atteggiamento. Sapevamo che potevamo mancare di energia ma mentalmente dovevamo essere piu pronti”.

Lezione – “Quando si vince si festeggia e quando si perde si impara, è una sconfitta che sarà utile per riprendere il percorso. Mi auguro sia un esempio per i ragazzi per affrontare le prossime gare con atteggiamento diverso. L’incazzatura deve essere smaltita nel modo giusto”.

Moduli – “Abbiamo giocato con tutti i moduli, col 3-5-2 cercando di tenere i quinti alti, 4-3-3 a inizio ripresa e 4-2-4 alla fine per cercare di creare più situazioni. Normale che ci devono girare anche certi episodi a favore, non so quanti angoli abbiamo avuto e quante palle messe in area. Alcune situazioni andavano sfruttate meglio, non mi sono piaciuti i gol presi. Secondo me sulla punizione del 2-0 c’erano giocatori loro in linea e non è regolamentare”.

Arbitraggio – “È la prima volta che vengo espulso senza aver detto nulla. L’arbitro ha chiesto chi dei giocatori aveva detto che era scarso, io mi sono seduto senza risponder nulla. È l’atteggiamento che non mi è piaciuto, un atteggiamento che ha avuto per tutta la gara di supponenza e di presunzione”.

Singoli – “Sto cambiando in base alle quote, soprattutto il 2002. Dobbiamo migliorare sui singoli giocatori, non mancano tante partite”. (Giuseppe Ingrosso-Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol