Gilardino: “I ragazzi sono stati grandi. C’è da lavorare tanto ma non abbiamo paura”

Alberto Gilardino, tecnico del Siena, ha parlato al termine della gara contro la Pianese. Di seguito le sue parole:

Gara – “La partita secondo me è stata fatta nel modo giusto. Abbiamo approcciato nel modo giusto, i ragazzi hanno speso tanto, hanno dato tutto, sono stati grandi. In tre giorni abbiamo cercato di curare i dettagli, non si poteva chiedere di più”.

Miglioramenti – “In questo mese che non ci sono stato la squadra aveva subìto tanto. Abbiamo fatto una partita solida, siamo stati compatti e comunque abbiamo avuto la possibilità di fare gol, e creato occasioni per andare in vantaggio. Qualcosa abbiamo anche rischiato, ma è normale”.

3-5-2 – “Abbiamo giocato con Martina e Gibilterra quinti, quando Terigi è uscito ci siamo rimessi a quattro. La nostra è una squadra che ha sempre avuto l’attitudine di cambiare in corsa. A seconda di come starà Terigi vedremo come lavorare in settimana”.

Condizione – “Atleticamente c’è da lavorare tanto, ma non abbiamo paura. I ragazzi sono pronti e quindi da martedì c’è da rimettersi al lavoro”.

Pochi cambi – “Di attaccanti in panchina potevo far entrare solo Mahmudov, ma dovevo controllare anche le quote. Sono partito con questa formazione perché volevo mettere in campo quelli che sentivo più vicini alla gara”.

Pianese – “Non mi aspettavo il 2002 in difesa, che tra l’altro ha fatto una discreta partita. La Pianese merita di più della attuale posizione di classifica”.

Carminati – “E’ uscito per crampi, poi domenica è squalificato e non ci sarà”.

Terigi – “Ha avuto un affaticamento sul flessore, speriamo di recuperarlo per domenica”.

Mercato – “Sartor fin quando è stato qua gli ho parlato chiaramente. Era un giocatore che poteva darmi tanto, sia dall’inizio che subentrando. In base al modulo è rimasto un po’ fuori, ma non bisogna guardare al passato. Il presente dice che il direttore sta lavorando, sono sicuro che nei prossimi giorni arriverà qualcuno a darci una mano”.

Crocchianti – “Non era utilizzabile, ma volevo fargli riassaporare il campo. Lo aggregheremo in settimana e avrò modo di valutarlo. Comunque stiamo pensando al possibile ingresso di un over anche in difesa”.

Squadra – “Non solo Agnello e Haruna, come atteggiamento tutti sono andati bene. Non dimentichiamo che la maggior parte di questi ragazzi sono giovani, quindi assorbono tanto gli stravolgimenti. Questo mese li ha toccati, ma mi hanno dato una risposta da squadra che c’è”.

Classifica – “La guardiamo il 6 Giugno. Ora non la voglio guardare, dobbiamo cercare di vincere tutte le partite”.

(Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol